Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Khris Middleton positivo al Covid-19: Bucks nei guai senza titolari

CORONAVIRUS
©Getty

Dopo Tobias Harris e Kevin Love, anche Khris Middleton è risultato positivo al Covid-19, mettendo nei guai i Milwaukee Bucks che non hanno più titolari attorno a Giannis Antetokounmpo. Jrue Holiday, Donte DiVincenzo e Brook Lopez sono tutti in infermeria, costringendo il due volte MVP agli straordinari per tenere in piedi la squadra

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN TEMPO REALE

Non è decisamente un inizio di stagione fortunato per i campioni in carica. Già alle prese con l’assenza di Donte DiVincenzo, i Milwaukee Bucks hanno perso Brook Lopez (schiena) e Jrue Holiday (caviglia) in rapida successione, ma adesso dovranno fare a meno anche di Khris Middleton. Come annunciato da coach Mike Budenholzer, infatti, il campione olimpico è risultato positivo al Covid-19: "Pensavamo che avesse solo un raffreddore o un’influenza non legata al Covid, ma poi si è sentito male anche il giorno dopo e dopo un altro tampone è risultato positivo" ha detto l’allenatore dei Bucks. Si tratta del terzo giocatore dopo Kevin Love e Tobias Harris a risultare positivo dall’inizio di questa settimana, ed è un bel grattacapo per Milwaukee: da protocollo NBA, un giocatore positivo al Covid-19 deve rimanere fuori come minimo 10 giorni, che nel caso dei Bucks significa sei partite fino alla prossima trasferta a Boston. Tutto carico in più sulle spalle di Giannis Antetokounmpo, che a Detroit ha vestito il mantello del supereroe (28 punti, 8 rimbalzi, 9 assist e 4 stoppate) giocando di fatto da centro: "Oggi ho imparato che odio giocare lì" ha detto il due volte MVP tra il serio e il faceto. "Non ho mai apprezzato Brook così tanto quanto stasera. Ti prego, torna presto". In realtà il primo a rientrare dovrebbe essere Holiday, che si è già allenato recentemente ma con il quale la squadra vuole procedere con cautela: "Negli ultimi tre anni qui siamo stati molto, molto fortunati" ha detto Budenholzer. "È una sfida capire chi è a disposizione e quali gruppi posso usare per affrontare la partita, ma l’obiettivo deve essere anche non stancare troppo i ragazzi che al momento sono in salute". Con un record di 4 vittorie e 4 sconfitte, i Bucks potrebbero finire per avere più problemi di quanto immaginato a prendersi uno dei migliori quattro record della Eastern Conference.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche