Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Los Angeles Lakers: Westbrook e non Lowry, tutta "colpa" di Horton Tucker

mercato nba
©Getty

La scelta di rinunciare a Lowry lo scorso febbraio pur di trattenere Horton-Tucker ha portato i Lakers a puntare su Westbrook, perdendo per strada altre opportunità di mercato (l’arrivo di Hield da Sacramento) e mettendo insieme un roster al momento disfuzionale: breve ricostruzione di ciò che poteva essere e non è stato, consapevoli che i gialloviola hanno ancora tanta strada da fare

Neanche un mese dal via della regular season e c’è già chi si lamenta della scelta di puntare tutto su Russell Westbrook da parte dei Lakers, dopo gli alti e bassi che l’All-Star arrivato da Washington ha messo in mostra sul parquet nelle prime dieci partite in maglia gialloviola. Sconfitte, palle perse e tanti motivi per “storcere il muso” di fronte alle sue scelte sul parquet e nei finali di gara. La squadra di Los Angeles però lo ha voluto fortemente, facendo scelte precise nei mesi scorsi che hanno portato al suo arrivo ai Lakers - rinunciando al tempo stesso a diverse altre strade di mercato che avrebbero rafforzato in maniera diversa il roster da mettere a disposizione di LeBron James e Anthony Davis. Tutta “colpa” di Talen Horton-Tucker, il giovane talento a disposizione di coach Vogel che i Lakers hanno voluto preservare, trattenere e non scambiare a ridosso della ultima deadline di mercato.

La ricostruzione di mercato: Lowry e Hield al posto di Westbrook

vedi anche

Il disastroso finale di Westbrook contro OKC

Lo scenario è molto semplice: i Lakers a febbraio erano a un passo da Kyle Lowry (che aveva già salutato i tifosi dei Raptors) che sarebbe dovuto sbarcare a Los Angeles all’interno di una trade per Dennis Schröder, Kentavious Caldwell-Pope e Talen Horton-Tucker. Proprio a causa della reticenza nel cedere quest’ultimo, l’affare è saltato nelle ultime ore, lasciando i gialloviola con un pugno di mosche in mano. Non solo: la point guard tedesca è poi andata via in free agency, mentre Kuzma, Harrell e una scelta al primo giro sono partite direzione Washington per Westbrook. Un pacchetto che sarebbe bastato a convincere Sacramento a chiudere una trattativa per Buddy Hield - altro giocatore che avrebbe potuto dare una grossa mano a LeBron James e compagni. Invece nulla di fatto, con una squadra che si è ritrovata - almeno sulla carta - a essere molto più disfunzionale. Funzionerà lo stesso? Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi mesi con l’andare avanti della regular season,

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche