Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays, Los Angeles Lakers-San Antonio Spurs 114-106: riscatto gialloviola con Davis

NBA SU SKY

I Lakers devono sudarsela fino all'ultimo ma alla fine vincono contro San Antonio godendosi uno scintillante Anthony Davis da 34 punti, 15 rimbalzi e 6 assist e il debutto stagionale di un positivo Talen Horton-Tucker. Agli Spurs non servono i 24 punti di Keldon Johnson e la tripla doppia da 22+10+10 di Dejounte Murray per evitare il nono ko stagionale

GEORGE GERVIN IN ESCLUSIVA SU LAKERS-SPURS

Non c'è mai una vittoria facile per i Lakers, ma alla fine i gialloviola riscattano il pesante ko subito per mano di Minnesota e si rialzano vincendo 114-106 contro i San Antonio Spurs. Protagonista assoluto del match è un Anthony Davis stellare: 34 punti (27 solo nel primo tempo), 15 rimbalzi e 6 assist per il numero 3 dei padroni di casa, che nel finale di gara ispira un canestro di Russell Westbrook (14+11+7) e una tripla di Carmelo Anthony (15 partendo in quintetto) per ricacciare indietro gli ospiti, tornati a -2 dopo essere stati sotto anche di 13 lunghezze nel quarto periodo. La notizia migliore per coach Frank Vogel però è il debutto stagionale di Talen Horton-Tucker: il giovane dei Lakers chiude con 17 punti e 7/14 al tiro, dando la giusta energia in difesa e trovando un paio di canestri importanti in avvicinamento a canestro nel finale, destando buone impressioni per sopperire all'assenza di LeBron James. Bene anche il contributo dalla panchina di Malik Monk (16 punti) e Wayne Ellington (15 con 5/7 da tre) per tenere sempre a distanza i texani, a cui non sono serviti cinque giocatori in doppia cifra guidati dai 24 di Keldon Johnson (6/9 da tre per il campione olimpico) e la tripla doppia da 22+10+10 di Dejounte Murray, a cui si aggiungono i 19 di un Devin Vassell ultimo ad arrendersi e i 17+9 di Thaddeus Young.

Il racconto del primo tempo

Anthony Davis ha un accoppiamento favorevole con Drew Eubanks e lo attacca subito con i primi 4 punti della sua partita, a cui rispondono 4 punti di Dejounte Murray dall'altra parte. Talen Horton-Tucker si sblocca con il primo tiro da tre punti della partita per l'11-8, poi Keldon Johnson segue a rimbalzo per forzare il primo timeout della partita. I Lakers provano l'allungo a +4 ma vengono subito ripresi da un parziale degli ospiti, anche se Davis continua a fare la voce grossa sotto canestro. Thaddeus Young entra con impatto dalla panchina e un suo gioco da tre punti da rimbalzo offensivo rimanda avanti gli Spurs. Due triple in fila di AD (19 nei primi 12 minuti) e di Wayne Ellington mandano i Lakers avanti di 5 al primo riposo sul 34-29.

Un canestro di Dwight Howard e una tripla di Russell Westbrook permettono ai Lakers di toccare il +10 in apertura di secondo quarto, mentre la second unit degli Spurs continua a buttare via palloni. Keldon Johnson firma la sua quarta tripla su quattro tentativi nel solo primo tempo e riavvicina gli Spurs, tornati a -6 forzando il timeout di coach Vogel. Al suo rientro in campo però Davis ricomincia a martoriare il ferro avversario con due schiacciate in fila, ben imbeccato da Monk che firma anche il floater del nuovo +11 seguito da una tripla di Ellington per l'8-0 di parziale. A rispondere è Dejounte Murray che ruba un pallone pigro dato da Westbrook verso Rondo e manda Derrick White a schiacciare il -9. Il parziale degli ospiti si allunga e i Lakers non riescono ad opporsi: Davis ci mette una pezza e chiude il primo tempo con 27 punti e 10 rimbalzi, ma all'intervallo è solo 60-55 per i gialloviola.

Il racconto del secondo tempo

Westbrook comincia forte la ripresa: prima segna una tripla, poi ruba la palla in difesa ma si schianta sul primo ferro nel suo tentativo di schiacciata per ridare il +10 ai suoi, quindi segna la sua terza tripla di serata per il 70-60. Gli animi si scaldano quando Eubanks e THT si allacciano sotto canestro, poi Carmelo Anthony si inventa un gioco da quattro punti per tenere i Lakers avanti in doppia cifra. I Lakers però omettono di difendere per un paio di possessi e gli Spurs tornano a -9 mentre Thaddeus Young sale in doppia cifra (11 punti). I Lakers non pagano dazio con un paio di possessi davvero brutti in attacco, risolti da due triple di Monk e Ellington e dai primi due punti della ripresa di AD. Il ritorno a +13 è firmato ancora una volta da Ellington, che firma la sua quinta tripla di serata su sei tentativi e costringe gli Spurs al timeout. Gli Spurs non riescono a riavvicinarsi: alla fine del terzo quarto è 90-79 per i padroni di casa.

Johnson e Murray segnano da tre punti ma Monk li tiene indietro con un paio di invenzioni in avvicinamento a canestro, seguito dal canestro di Horton-Tucker per il nuovo +11. Sempre Monk segna allo scadere dei 24 secondi un canestro pazzo e Davis stabilizza l'attacco dei suoi per tenerli sempre in vantaggio, rintuzzando ogni tentativo di rimonta degli Spurs. Ci prova Devin Vassell con un paio di triple per il -8 a 6 minuti dal termine e Young mette un altro paio di canestri per il -5 a tre minuti dalla fine, con grossi problemi di circolazione di palla per i Lakers: McDermott firma la tripla in transizione per il 105-102 a 2:39 dalla fine che riapre completamente la partita. Horton-Tucker segna in penetrazione allo scadere dei 24 secondi e Davis fa buona guardia su Murray, quindi Carmelo Anthony segna da tre e rimette 7 lunghezze di distanza tra le due squadre mentre Young butta via il pallone. Davis trova Westbrook sotto canestro al volo e Vassell sbaglia due volte prima di una tripla di Johnson per il -6, ma Murray sbaglia la tripla per dimezzare lo svantaggio e AD viene mandato in lunetta. Non c'è più tempo: i Lakers vincono 114-106 e cancellano la sconfitta contro Minnesota, godendosi il rientro di un positivo Talen Horton-Tucker in attesa di quello di LeBron James.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche