Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, infortunio LeBron James, pronto al rientro contro Boston: "Spero di esserci"

LE PAROLE
©Getty

Il n°6 gialloviola, fuori nelle ultime otto gare a causa di un problema agli addominali, potrebbe tornare sul parquet nella sfida contro Boston di venerdì notte, ma la sua presenza in campo è data al 50%: “Spero di esserci”, ha commentato ai microfoni di ESPN, mentre coach Vogel non vede l’ora di riaverlo a disposizione

Dopo aver perso anche contro i campioni in carica, il ritornello in casa Lakers è sempre lo stesso: quando torna LeBron James? Il problema agli addominali pare essere superato (come mostrato anche da alcuni video girati durante il riscaldamento del match a Milwaukee), ma non c’è ancora certezza: “Spero di giocare contro Boston - racconta il diretto interessato - me lo auguro”. Mentre coach Frank Vogel continua a ripetere che la sua situazione verrà valutata giorno per giorno, fonti vicine a James hanno spiegato a ESPN che è un 50-50 al momento. Nelle sue 54 partite in carriera disputate a Boston, LeBron viaggia a 28.9 punti di media - la più alta per lui in trasferta (Cleveland a parte, dove però ha disputato molte meno partite da avversario). Mercoledì è tornato ad allenarsi con i compagni, cauto nei movimenti e impegnato di continuo nel distendere gli addominali per provare a non affaticarli troppo. “Se lo chiedete a me, spero proprio che sia in campo”, ha raccontato l’allenatore dei Lakers. “Sinceramente, il mio desiderio è quello di averlo sempre a disposizione. Non è quella la discussione, ma soltanto il suo stato di forma: se avremo l’ok dei medici, non ci saranno dubbi”.

vedi anche

LeBron pronto a tornare: in campo contro i Celtics

Le ragioni sono facili da intuire: 4-2 il record con lui in campo, 4-6 senza - nonostante LeBron James non abbia ancora giocato ai suoi standard in questa regular season. Nelle sei partite sul parquet, il n°6 dei Lakers ha raccolto 24.8 punti di media; il minimo in carriera dai 20.9 punti messi a referto nella stagione da rookie, vedendo crollare il numero di rimbalzi catturati (5.5) e gli assist (7) - mai così pochi negli ultimi sette anni. La stagione però è ancora lunga e Anthony Davis ha già rassicurato tutti, spiegando le ragioni che stanno alla base dei ripetuti passaggi a vuoto: “Abbiamo costruito una squadra ragionando in un determinato modo, ma non l’abbiamo ancora vista all’opera”. La speranza dei gialloviola e degli appassionati è quella di capire già da venerdì notte come andranno le cose con James sul parquet.