Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Sundays: Cleveland si batte fino alla fine, ma Mitchell trascina Utah alla vittoria

NBA

Bellissima partita tra Cavs e Jazz , decisa solo nel finale con il duello nel duello tra Darius Garland (31 con 5/8 da tre per lui) e Donovan Mitchell (35 e 4/8 dall'arco). I Cavs hanno il possesso per vincerla ma regge la difesa dei Jazz che lasciano l'Ohio con una vittoria importante, infliggendo ai padroni di casa il primo ko dopo 4 vittorie in fila 

CLEVELAND CAVS-UTAH JAZZ 108-109 | IL TABELLINO

Il confronto diretto con Rudy Gobert "gasa" Jarrett Allen: 4 punti e 2 stoppate all'avvio per il centro di Cleveland esaltano il pubblico di casa. Calde le mani però anche di Conley e Mitchell in casa Jazz, che con due triple replicano subito al buon avvio dei Cavs. A loro risponde Darius Garland, in un avvio con percentuali altissime sia da una parte che dall'altra, ma il primo quarto è marchiato a fuoco dall'avvio di Donovan Mitchell: 6/7 al tiro con 3 tripole e 15 punti nei primi 8 minuti per il n°45 dei Jazz. Il primo quarto lo chiudono davanti gli ospiti, a +3 dopo 12 minuti: 32-29, con entrambe le squadre precisissime dell'arco (6/11 sia per Utah che per Cleveland). I padroni di casa hanno impatto dalla panchina da Cedi Osman, ma Utah continua a segnare da tre punti a ripetizione, anche con il neo entrato Rudy Gay. Con due punti di un ottimo Evan Mobley Cleveland impatta a quota 42, confermando tutte le cose buone dimostrate nel suo primo mese di NBA (miglior matricola a Est per novembre). Ancora Mobley, con un gioco da tre punti, porta davanti i Cavs a metà del secondo quarto. Due triple consecutive di Bogdanovic e una di Royce O'Neal riportano però Utah davanti, con la squadra di coach Snyder che continua a mantenere ottime percentuali dall'arco, vicine al 48%. Utah chiude meglio il primo tempo, Cleveland fa qualche errore di troppo, e allora gli ospiti chiudono avanti 60-55 con un Mitchell top scorer (a quota 18) e soprattutto buone percentuali da parte di entrambi gli attacchi (il 45% sia dal campo che da tre), con i Cavs già con 3 giocatori in doppia cifra (Garland, Allen e Mobley). 

Il racconto del secondo tempo

Come già successo nel primo, anche il secondo tempo vede Mitchell partire a razzo: 5 punti suoi (per arrivare a quota 23) danno ai Jazz il primo vantaggio in doppia cifra della serata (+11). Cleveland però non molla, trova punti con i suoi tre lunghi (Markkanen prima, poi Mobley, poi Allen), pur senza riuscire ad accorciare troppo il divario. Anzi, i Cavs sprecano tre volte in fila il possesso del -4 e subiscono due triple di Gay che riportano il vantaggio di Utah in doppia cifra. All'ultimo riposo gli ospiti (con 28 punti di Mitchell) sono sopra 91-82, in controllo ma con la gara ancora aperta. I Jazz però aprono l'ultimo quarto con due triple (una di Clarkson, la sua prima, l'altra di Conley), allungando anche a +15 ma i Cavs rispondono con un 10-0 di parziale che li mantiene a tutti gli effetti in gara e costringe coach Snyder al time-out, sul 97-92. Cleveland però non si ferma: tripla e recupero di Osman, canestro di Rubio ed è parità a quota 97 a 8'41" dalla fine, con Utah che è costretta ancora a fermare la partita, visto il parziale di 15-6 in apertura di frazione dei Cavs. Con la tripla di Garland (la quinta su sei tentativi) i padroni di casa vanno davanti toccando quota 100, con 6 minuti ancora da giocare. Mitchell si prende ogni tiro per i Jazz, Garland risponde dall'altra parte e il duello si fa bellissimo. Utah torna davanti con una tripla di Conley, bissata dalla schiacciata di Gobert che fa +3 a 100 secondi dalla fine. La gioventù di Cleveland però si prende il palcoscenico: due punti di Garland (31 punti per lui, 9 nell'ultimo quarto) e una stupenda stoppata di Mobley (14 e 11 rimbalzi alla fine) regalano ai Cavs il possesso per vincere la gara, ma la difesa di Gobert e soci resiste consegnando la vittoria ai Jazz. Mitchell top scorer a quota 35, solo 6 quelli di Gobert ma con ben 20 rimbalzi, molto positivo Gay dalla panchina, in una serata da 20 triple a bersaglio per la squadra di Snyder, che sbanca Cleveland non senza soffrire. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche