Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Curry si fa fischiare apposta un fallo tecnico: il commento live di Flavio Tranquillo

NBA

Nei secondi finali della gara tra Warriors e T'Wolves è andato in scena uno dei momenti più assurdi della stagione: Steph Curry sceglie di farsi fischiare un tecnico in "solidarietà" a Draymond Green, colpito dallo stesso provvedimento solo un minuto prima. E Flavio Tranquillo ha la sua idea al riguardo

Uno dei falli tecnici più incredibili che capiterà di vedere quest'anno lo ha incassato Steph Curry nei secondi finali della gara dei suoi Warriors contro Minnesota. E lo ha incassato volontariamente, scegliendo di alzarsi dalla panchina (dove stava aspettando la sirena finale) per esultare in maniera plateale a un canestro dei suoi compagni. Quello che da quest'anno non si può più fare, per il regolamento che impone uno stretto decoro ai giocatori quando seguono la gara dalla panchina. Ma dietro al tecnico a Steph Curry c'è di più, perché il n°30 di Golden State ha scelto di farselo fischiare per manifesterare solidarietà a Draymond Green, colpito dallo stesso provvedimento a 1:19 dalla fine della gara dopo la sue esultanza susseguente un canestro di Jordan Poole (Green. Poole. Sì, quei Green e Poole...). Il settimo tecnico della stagione all'ala degli Warriors arriva infatti quando Green si mette ad andare avanti e indietro sulla linea di fondo imitando la conclusione vincente del compagno. Gli arbitri sanzionano il tecnico e allora Curry - quand'era già passato un altro minuto - sceglie anche lui di "immolarsi" ai fischi arbitrali per dimostrare il suo supporto a Green, per poi riderne di gusto insieme in panchina.

Green: "Pazzesco quello che sta succedendo"

leggi anche

Green: "I Bucks fan sul serio, Miami la delusione"

"Se ho apprezzato la sua decisione? Certo che l'ho apprezzata", ha commentato a fine gara il n°23 di Golden State. "È pazzesco quello che sta succedendo, ma questa oggi è la NBA: sarà il quarto tecnico discutibile che mi prendo quest'anno. Un mio compagno aveva fatto un bel movimento e ho scelto di celebrarlo: l'ho fatto stando nell'angolo, non disturbavo nessuno perché vicino a me non c'era nessuno, ma mi hanno detto che ero a ridosso della linea. È pazzesco, anche perché andrà a contare sul totale dei miei tecnici stagionali". Green (e Curry con lui) non sono certo tanto preoccupati dalla sanzione economica collegata al tecnico (3.000 dollari per Green, 2.000 per Curry) quanto dal fatto che dal 16° tecnico stagionale arriva automatica anche una gara di sospensione. E allora, dovesse succedere, si riderebbe meno.