Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, tale padre tale figlio: Bronny James convocato per l'All-American Game

NBA

Vent’anni dopo papà LeBron, anche Bronny James è stato convocato per l’All-American, il tradizionale appuntamento dove si affrontano i migliori giocatori liceali degli Stati Uniti. Insieme a lui saranno in campo anche Andrej Stojakovic, figlio di Peja, e Dajuan Wagner Jr., figlio dell’ex giocatore NBA compagno di James a Cleveland

Vent'anni dopo, un altro LeBron James farà parte dell’All-American Games. La commissione che decide i partecipanti al tradizionale appuntamento che mette in mostra i migliori liceali d’America ha infatti inserito anche Bronny James tra i 24 partecipanti alla partita, dove papà LeBron aveva già giocato nel lontano 2003. Insieme a Bronny ci saranno altri due "figli d’'arte" come Andrej Stojakovic, figlio del grande tiratore serbo Peja, e Dajuan Wagner Jr., il cui omonimo padre aveva giocato in NBA ai Cleveland Cavaliers proprio con James. La partita si disputerà al Toyota Center di Houston il prossimo 28 marzo, a pochi giorni dalla Final Four del torneo NCAA previsto per l’1 aprile.

approfondimento

Bronny James, restano tre squadre NCAA in corsa

Bronny si è meritato la convocazione facendosi notare con i suoi miglioramenti sui due lati del campo e una crescita fisica notevole, anche se diversi giocatori posizionati sopra di lui nel ranking come Mikey Williams (futuro giocatore dell’università di Memphis) e Caleb Foster (futuro Duke Blue Devil) sono rimasti fuori. Mentre gli occhi degli scout saranno puntati su Stephon Castle (destinato a UConn) e Isaiah Collier (USC), i due giocatori con più potenziale presenti tra i 24 All-American, le attenzioni maggiori saranno certamente per il figlio di James, l’unico a non aver ancora scelto la sua destinazione al college. Un report dell’LA Times aveva ridotto a Ohio State, USC e Oregon le tre contendenti per i servigi di Bronny il prossimo anno in NCAA, ma LeBron stesso ha detto al The Oregonian che "non devo fare altro che tirare su il telefono. Se Bronny dice di voler andare in una qualsiasi squadra, è forte abbastanza per andarci”. La sfida contro i talenti di domani degli Stati Uniti sarà sicuramente una vetrina per renderci conto del livello di Bronny.