Processo Nassar, la testimonianza shock di Aly Raisman: "Abusi? Nessuno deve più dire 'Me Too'"

Olimpiadi

Alexandra "Aly" Rose Raisman, ginnasta statunitense campionessa olimpica al corpo libero nel 2012 e vice-campionessa olimpica nel 2016, ha testimoniato contro Larry Nassar per gli abusi subiti dal medico della Nazionale USA

NASSAR CONDANNATO A 175 ANNI DI CARCERE

Un argento Olimpico in bacheca non sempre ti dà il sorriso. Specialmente se alle spalle hai un'esperienza che nessuno vorrebbe vivere, soprattutto se ad aver abusato di te è stata una di quelle persone che consideravi amica, vicina, una spalla su cui contare. Larry Nassar era questo per le sue ragazze, medico e aiuto per le atlete della Nazionale Olimpica degli Stati Uniti. Alexandra ''Aly'' Raisman è un talento per la ginnastica statunitense, motivo di orgoglio come Simone Biles. Come la supercampionessa, anche l raisman ha testimoniato contro l'ex medico, condannato a 175 anni di carcere per abusei su oltre cento atlete. Ecco le sue parole:

"Larry, capisci ora che noi, questo gruppo di ragazze di cui hai abusato per tanto tempo sono oggi una forza e tu non sei niente. Sono qui per affrontarti, Larry, dimostrandoti che non sono più una vittima. Sono una sopravvissuta. Tutte queste donne hanno un potere e faranno di tutto perché tu abbia ciò che ti meriti: una vita di sofferenze pensando e ripensando alle parole recapitate da questa potente armata di sopravvissute. Vostro onore, io le chiedo di dare a Larry la pena massima che le sue azioni meritano di ricevere. Facendo così, manderebbe un messaggio a lui e a tutti gli altri stupratori che non possono farla franca con questi crimini orribili. Saranno esposti per il male che sono. E verranno puniti con il massimo della pena. Per la tua lettera, sei patetico anche solo a credere che qualcuno possa provare simpatia per te. Credi che sia difficile per te? Pensa a come ci sentiamo noi. Molti in posizioni autorevoli ti hanno protetto, dicendo a ogni sopravvissuta che andava tutto bene, che non stavi abusando di loro. Infatti, quanti adulti hai convinto che le sopravvissute erano esagerate o si stavano sbagliando. Questo è come essere violate un’altra volta. Nei giorni scorsi, la federazione americana di ginnastica ha annunciato che sarebbe terminato il contratto e la collaborazione con il ranch, dove molte di noi sono state abusate. Sono felice che non sia più un centro di allenamento per la Nazionale, ma la federazione si è dimenticata di menzionare il fatto che avevano atleti che si stavano allenando là il giorno dell’annuncio. Ho rappresentato con successo gli Stati Uniti in due Olimpiadi. Sia il Comitato Olimpico degli Usa sia la federazione di ginnastica sono stati molto rapidi a capitalizzare e celebrare il mio successo. Ma si sono esposti quando io l’ho fatto? No. Stupratori, il vostro è giunta la vostra ora. Le sopravvissute sono qui, fiere in piedi. Non andremo da nessuna parte. Il mio sogno è che un giorno, chiunque, possa conoscere il significato di “Me Too” e che siano educati e in grado di difendersi dai predatori come Larry, così che non possano mai, mai, mai, dover dire: 'Me Too'".

OLIMPIADI: SCELTI PER TE