Carolina Kostner trascina l'Italia in finale: è seconda nel corto individuale

Olimpiadi

Danilo Freri

Ottimo debutto a PyeongChang per la Kostner che trascina l'Italia in zona podio nel Team Event. Fantastici Marchei-Hotarek con il record italiano nelle coppie

IL RACCONTO DELL'8^ GIORNATA

TUTTI I RISULTATI - IL MEDAGLIERE - IL CALENDARIO: DATE E ORARI ITALIANI

FOTO: LA FESTA PER IL BRONZO DI WINDISCH - HOCKEY FEMMINILE, CHE SCAZZOTTATE

Veniamo dal quarto posto di Sochi nella gara a squadre del pattinaggio di figura, una specie di piccolo miracolo per il nostro movimento che con pochi atleti ottiene grandi risultati. Un miracolo che si sta ripetendo a PyeongChang. E' una splendida Carolina Kostner a guidare l'Italia alla caccia del podio. Il debutto ai Giochi nella quarta Olimpiade di Carolina è una benedizione per gli occhi ed il cuore. Un programma corto che è un abbraccio, che ti prende e ti accompagna durante le evoluzioni sul ghiaccio di un'artista che si muove con una grazia ed una eleganza uniche e poi ti lascia alla fine incantato. Dicono che la felicità sia la capacità di vivere pienamente istante per istante senza distrazioni. Essere consapevoli e totalmente presenti. Guardare una esibizione di Carolina Kostner è allora qualcosa che contribuisce alla felicità. Non è prima Carolina nella sua gara del singolo femminile. La russa Evgenia Medvedeva è inarrivabile, ha qualità e capacità tecniche costruite in questa epoca sportiva del pattinaggio. Carolina appartiene ad un'altra epoca, con i suoi 31 anni non può nulla contro i 18 della russa. Ma tiene testa con la sua classe, una qualità che non si costruisce, ce l'hai o non ce l'hai. Nella gara individuale le russe saranno 3, 2 quasi imbattibili (oltre a Medvedeva anche Zagitova), ma la gara a squadre ha già detto che tutte le altre sono dietro e Carolina avrà la sua chance. Ma prima c’è una medaglia che è ora vicina in questo Team Event.

Dopo una buona prova di Cappellini-Lanotte nella danza, l’Italia arriva ad un punto dagli USA grazie ad una prova strepitosa di Valentina Marchei e Ondej Hotarek, secondi nelle coppie di artistico. La prova migliore della carriera per loro con tanto di record italiano. Valentina Marchei è cresciuta sfidando la Kostner nel singolo per tanti anni e  ha visto negato il suo sogno olimpico proprio da Carolina (Vancouver 2010, quando l’Italia poteva schierare solo un’atleta). Poi lo ha vissuto finalmente a Sochi e dopo ha sposato l’idea folle di arrivare a PyeongChang a 32 anni in un’altra specialità, pattinando con Ondrej Hotarek. Una follia che li ha portati alla migliore prestazione italiana di sempre nelle coppie di artistico. L’oro se lo giocano Canada e OAR, gli Stati Uniti sono ad un punto di distanza (36 contro i nostri 35). Lunedì inseguiamo il nostro piccolo miracolo. Perchè la felicità ai Giochi si misura anche in medaglie.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.