Filippo Tortu: "Staffetta la mia gara preferita. Mi piace perché si fa squadra"

L'INTERVISTA

Manca poco al via dell'Olimpiade di Tokyo, la prima per il velocista Filippo Tortu, primo atleta italiano a correre i 100 metri piani in meno di 10 secondi. In Giappone vuole disputare due finali: quella dei 100 metri e la staffetta 4x100

TOKYO2020: LE NEWS E I RISULTATI LIVE

"La staffetta è una gara imprevedibile, infatti forse è la mia gara preferita perché lasci da parte tutte rivalità che coltivi durante l’anno ed è il momento in cui si fa davvero squadra. Ho giocato a calcio e basket per tanti anni è quindi è un bel modo per vivere qualcosa che non vivo più”. Lo sprinter azzurro è pronto per la doppia sfida di Tokyo e si racconta in questa intervista a Sky Sport 24. Le aspettative per il 23enne milanese sono alte. Soprattutto nella staffetta. "L'obiettivo è quello di arrivare in finale, possiamo farlo. Ci sono continui colpi di scena e una volta raggiunta la finale poi è giusto non porsi limiti e provare a battere chi sulla carta è più forte di noi".

approfondimento

Olimpiadi, il calendario completo delle gare

Poi ci sono i 100 metri. "Guardo gli altri- racconta Filippo- ma cerco di non farmi influenzare o ossessionare troppo dai risultati degli altri, tanto alla fine quando sei in pista sei da solo. Dipende tutto da te: non ti deve interessare se l’atleta che ti sta a fianco ha fatto il record del mondo magari sette giorni prima o, al contrario, non sta correndo veloce. Quando li guardo, lo faccio per imparare da loro e magari rubare qualcosina.."

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche