Irlanda-Galles 29-7, gli highlights del match del Sei Nazioni

sei nazioni

Andrea Gardina

La prima partita del Sei Nazioni 2022 è senza storia. Troppo forte l’Irlanda per un Galles incerottato e a cui mancano troppi elementi chiave. Parziale di 29-0, punto di bonus offensivo e meta dell’onore per gli ospiti solo nel finale. Protagonisti assoluti capitan Sexton, l’esordiente Hansen e l’ala Conway, autore di una doppietta

FRANCIA-ITALIA LIVE - SCOZIA-INGHILTERRA 20-17, HIGHLIGHTS

Troppa disparità tra il Galles, privo di parecchi elementi (Tipuric, Navidi, Faletau, North, Halfpenny, Owens) e l’Irlanda, data alla vigilia tra le favorite per la vittoria finale del torneo, alla luce anche dell’impressionante serie di novembre. Pronostico, alla fine, pienamente rispettato: i dragoni restano a lungo a secco e gli Irish vincono 29-7. Protagonista il debuttante australiano del Connacht Mack Hansen, all’esordio e chiamato nel non semplice compito di non far rimpiangere James Lowe, e premiato con il riconoscimento di migliore in campo. Da una sua avanzata ad inizio partita arriva la prima meta con la potenza del ritrovato Aki. Capitan Sexton trasforma e, dopo due tentativi falliti, trova il calcio che fissa il parziale del primo tempo sul 10-0 all’Aviva Stadium di Dublino. Occasioni da una parte e dall’altra – soprattutto per Rees-Zammit e ancora Aki con il vicino Keenan, bravo Tompkins nella fattispecie a fermarne l’avanzata – ma risultato bloccato.

Il giallo a Adams rompe definitivamente il match

vedi anche

Le speranze dell'Italia in questo Sei Nazioni

Stesso canovaccio nella ripresa, con l’Irlanda che fa l’Irlanda. Punizione sfruttata in touche ai cinque metri, avanzamenti costanti con pick and go per assorbire i difensori e apertura larghissima di Sexton per Conway che deve solo volare oltre la linea. L’apertura e capitano irlandese sembra in giornata di grazia e Josh Adams ricorre alle maniere forti, rimediando però soltanto un cartellino giallo e lasciando i suoi con un uomo in meno. Superiorità numerica immediatamente sfruttata dai padroni di casa che marcano ancora con Conway con una meta di pregevole fattura. La marcatura del bonus la sigla, poi, con tutta la sua classe Ringrose, sempre più a suo agio con la pesante eredità della maglia numero 13 dei “trifogli”. Nel finale, c’è tempo per la meta dell’onore per il Galles marcata dal terza linea Basham. Sabato prossimo il Galles ritroverà lo spirito del Millenium Stadium ricevendo la Scozia, mentre allo Stade de France di Parigi si prospetta già la prima vera finale della kermesse con la super sfida tra Francia e Irlanda, tutto rigorosamente in diretta su Sky Sport.