Indian Wells, Federico Gaio: il "bomber" di Faenza

Tennis

Luca Boschetto

federico_gaio

Buona prova del tennista italiano, nonostante l'eliminazione dal torneo contro il sudafricano Anderson, numero 79 del mondo, per 6-1, 6-4 in poco meno di 80 minuti

Bomber lo chiamano gli amici, per quel suo fisico massiccio da rapinatore dell'area di rigore. Al secolo è Federico Gaio, da Faenza, la cittadina romagnola capace di dare i natali a molti tennisti, dalla sfortunato Gianluca Rinaldini, passando a Raffaella Reggi e Andrea Gaudenzi.

Un ragazzo gentile, educato, fuori e dentro il campo. Il grande tennis lo aveva conosciuto la prima volta a Roma nel 2015 quando, grazie a una "Wild card" ( invito degli organizzatori), aveva giocato gli Internazionali d'Italia perdendo subito contro Leo Mayer.

Due anni più tardi, Gaio è tornato nel tabellone di un torneo 1000 superando nelle qualificazioni Stakhovski, specialista dei campi rapidi, e l'australiano Whittington, non sfigurando sul Campo 2 con il sudafricano Anderson, ora numero 79 del mondo causa infortuni, ma solo 18 mesi fa top ten. Un confronto impari, per velocità di palla e potenza: 6-1, 6-4 in poco meno di 80 minuti.

Ma "bomber" non ha sfigurato, mettendo in mostra l'elegante rovescio a una mano e una gestione tattica ordinata. grazie alle partite vinte nelle qualificazioni salirà al numero 142 della classifica mondiale, suo record personale. L'obiettivo è entrare nei primi 100, una soglia non solo psicologica ma economica. Già, perché a quel livello si entra direttamente nei tornei del grande slam senza passare dalla tagliola qualificazioni e ci si garantisce una discreta stabilità economica.

Aspetto non secondario, considerando che sotto i primi 150 i guadagni sono magri e a volte si va solo in pareggio con i costi. Come spesso accade per i tennisti italiani, Gaio è arrivato a buoni livelli alle soglie dei 25 anni: un'onorevole carriera junior, è stato 19 esimo, e tanta gavetta nei tornei "futures" (il primo gradino del professionismo), poi nei challenger (l'anticamera dei tornei Atp, cioe' il paradiso).

La scorsa stagione ha vinto a San Benedetto e soprattutto a Biella, dove in finale ha sorpreso il brasiliano Bellucci, uno di quelli che è arrivato, uno che frequenta il tennis che conta. Non a caso il faentino ricorda quella vittoria come la più importante della carriera. In uno sport dove il meglio può arrivare oramai a 35 anni, Gaio ha davanti a sé buone prospettive. Intanto, la scelta di giocare i tornei dei "grandi" a scapito dei challenger, su consiglio di Paolino Lorenzi, suo mentore, ha pagato, almeno a Indian Wells. La strada è in salita, ma è quella giusta. Ora "bomber" tocca a te.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.