Internazionali Roma: Zverev batte Djokovic

Tennis

Stefano Olivari

zverev_lapresse

Il ventenne tedesco ha battuto 6-4 6-3 il numero 2 del mondo, dominandolo in ogni aspetto del gioco, in una finale che è sembrata un passaggio di consegne fra generazioni. Zverev è il primo nato nato negli anni Novanta a vincere un Masters 1000 Roma, tutti i risultati il

Alexander Zverev ha vinto l'edizione numero 74 degli Internazionali d'Italia, battendo in finale Novak Djokovic con il punteggio di 6-4 6-3. È il primo giocatore nato negli anni Novanta a vincere un Masters 1000.

Meno Djokovic

Il serbo è stato una versione minore di quello strapotente che il sabato aveva messo a segno la doppietta Del Potro-Thiem, ma è sceso in campo comunque con la testa giusta, quella mostrata mediamente qui a Roma e non nel resto dell'anno. Il problema tattico è stato uno solo: Alexander Zverev. Perfetto al servizio (non ha mai concesso chance di break), dentro al campo con il diritto, regolarissimo con il rovescio, senza alcun timore reverenziale. Djokovic non è riuscito a metterlo in difficoltà nel palleggio e nemmeno nelle situazioni estemporanee, come le palle corte poco ispirate che a un certo punto ha per disperazione tirato fuori sotto gli occhi di Mattarella (prima volta di un presidente della Repubblica al Foro Italico) e di Rod Laver. Nel dopopartita il serbo numero 2 del mondo ha asserito di avere giocato al 30% di come aveva giocato con Thiem e questo in fondo per lui è un bene: esce da Roma più convinto, con anche l'ufficializzazione di Agassi suo nuovo allenatore. La base è che Djokovic abbia ancora voglia e gli Internazionali d'Italia hanno detto che ce l'ha.

Più Zverev

Zverev è il primo giocatore di altra generazione ad interrompere nei Masters 1000 il dominio dei Big Four e dei loro coetanei (Wawrinka, Cilic, Del Potro) capaci di vincere Slam. Di più: è il primo nato negli anni Novanta a vincere un torneo di questo livello e la cosa fa capire quando forti siano o siano stati Federer, Nadal e Djokovic. Zverev da NextGen si è trasformato in presente prima dei più anziani Thiem e Kyrgios, più dotati di lui come talento puro e lo ha fatto perché è a loro superiore come testa. A Roma non ha avuto un cammino impossibile (Anderson, Troicki, Fognini, Raonic, Isner), ma in ogni situazione ha giocato il suo tennis migliore e questa è una virtù dei predestinati come lui (e come Djokovic, evitiamo di celebrare funerali prematuri). Il fatto che sia allenato dal padre ex tennista e che abbia un fratello nel circuito (peraltro con un gioco e un passaporto diversi) gli dà pressione ma anche una marcia in più. Ciò che serve per far emergere una generazione davvero nuova.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.