Murray, Wimbledon a rischio: "Spero di essere in grado di giocare"

Tennis
murray_getty

Lo scozzese, operato a gennaio all'anca e lontano dai campi da Wimbledon 2017, non è certo di poter giocare il Championship in programma dal prossimo 2 luglio: "Il recupero sta procedendo più lentamente del previsto, posso solo sperare di essere pronto"

CECCHINATO-THIEM LIVE

TUTTE LE NEWS DI TENNIS

"Spero di essere in grado di giocare la stagione sull'erba", parola di Andy Murray. A meno di un mese dal via di Wimbledon, in programma il prossimo 2 luglio, l'uomo più atteso del Regno Unito non toglie i dubbi sulla sua partecipazione al terzo Slam stagionale: "Il recupero sta avvendendo più lentamente di quando ci aspettassimo, anche se sono vicino al rientro - ha spiegato Murray, che lo scorso gennaio ha subito un intervento chirurgico all'anca e che non gioca un match ufficiale dallo scorso Wimbledon -. Non so ancora se sarò al via a Londra, spero proprio di essere lì". Al momento, Murray è dato al via al Ricoh Open a 's-Hertogenbosch, in Olanda, in programma la prossima settimana. Lo scozzese, che ha conquistato il Championship in due occasioni nel 2013 e nel 2016, è scivolato al numero 47 del ranking ATP. Una sua dichiarazione ufficiale in merito al suo ritorno in campo è attesa nei prossimi giorni, prima del via del Ricoh Open. 

Mamma Judy Murray: "Erba? Incrociamo le dita..."

Anche la madre Judy, ex capitana della Fed Cup britannica, non è molto tranquilla riguardo alla situazione del figlio: "Sta facendo la riabilitazione, è tornato in campo negli ultimi due giorni - ha spiegato a BBC Sport -. Il suo obiettivo era quello di provare ad essere pronto per la stagione in erba e questo rimane ancora, quindi incrociamo le dita". Secondo mamma Murray, Andy non sarà in Olanda dall'11 al 17 giugno, in caso di forma non ottimale: "Qualsiasi giocatore che esce da un infortunio ha bisogno di un po' di tempo per tornare al top della forma. Quando è stato operato alla schiena nel 2013, Andy è tornato a giocare in tre mesi, ma gli ci è voluta la parte migliore di un anno per tornare alla sua massima forma - ha spiegato -. Hai bisogno di partite per migliorare la tua condizione agonistica, non puoi pensare di tornare e ricominciare da dove eri rimasto. Sarà guidato dal suo corpo e da come si sente, è l'unica persona che sa come si sente. La cosa più importante è che si rimetta in forma a lungo termine: qualsiasi atleta di punta ti direbbe che non tornerà all'attività finché non sentirà di poter dare il 100%, specialmente in un Major come Wimbledon".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.