Coronavirus, i campi degli US Open a New York diventano ospedale da campo

coronavirus
©Getty

A New York le strutture del Billie Jean King National Tennis Center verranno utilizzate per ospitare temporaneamente 350 letti d'ospedale e preparare i pasti durante la pandemia, come annunciato dalla federazione tennis statunitense

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Le strutture di Flushing Meadows, che ospitano gli US Open di tennis, sono state messe a disposizione per diventare un ospedale da campo nella lotta contro il coronavirus. Ad annunciarlo è stata la federazione del tennis Usa, la United States Tennis Association (Usta). Le strutture del Billie Jean King National Tennis Center, sede del torneo degli US Open, verranno utilizzate per ospitare temporaneamente 350 letti d'ospedale e anche per preparare i pasti durante la pandemia. Il portavoce dell'Usta, Chris Widmaier, ha spiegato che già da queste ore l'area in cui si trovano i campi al coperto comincerà a diventare una struttura sanitaria. Il complesso si trova nel Queen's, uno dei distretti più colpiti dalla pandemia a New York. A disposizione delle autorità anche le cucine del Louis Armstrong Stadium, il secondo campo più grande dopo l'Arthur Ashe, che saranno utilizzate per preparare 25mila confezioni di pasto al giorno, destinati a pazienti, operatori sanitari, volontari e bambini della città. "Siamo qui per aiutare il nostro quartiere, ma più in generale i newyorkesi", ha spiegato Widmaier. La situazione a New York è drammatica, con 38mila casi positivi nella sola città e quasi mille morti. 

TENNIS: SCELTI PER TE