Internazionali di Roma, i risultati del 2° turno: Nadal e Djokovic agli ottavi

roma

Novak Djokovic torna con un successo dopo la squalifica agli US Open: il n° 1 del mondo di qualifica agli ottavi degli Internazionali d'Italia fermando la corsa di Salvatore Caruso, battuto 6-3, 6-2. Nessun problema nemmeno per Rafa Nadal, che regola Carreno Busta con un doppio 6-1. Il Masters di Roma in diretta su Sky Sport

DJOKOVIC DOPO LA VITTORIA: "BUON ESORDIO". VIDEO

GUIDA TV, GLI INTERNAZIONALI DI ROMA SU SKY

Novak Djokovic torna nel circuito dopo la clamorosa squalifica agli US Open e lo fa nell'unico modo conosciuto in questo 2020, ovvero vincendo. A farne le spese al 2° turno degli Internazionali d'Italia è un generoso Salvatore Caruso, che cede al n° 1 del mondo con i parziali di 6-3, 6-2 dopo un'ora e 25' di partita. Niente rivincita del ko subito nel 2019 al Roland Garros per il 27enne siciliano di Avola, che si consola con il suo best ranking (83) e con il primo successo al Foro ottenuto nel turno d'esordio con Sandgren. Djokovic, in campo a una settimana dalla pallata alla giudice di linea che gli è costata l'esclusione da Flushing Meadows, ha alzato il ritmo nel corso del match, con un primo set chiuso 6-3, ma con un solo break a favore nell'ottavo gioco. Caruso lotta come un leone, ma il serbo è imbattuto sul campo mica per caso in questo 2020: il 3° game del secondo set è una battaglia furiosa di oltre 11' e a spuntarla è proprio Nole, che piazza il break. Il siciliano cala dal punto di vista fisico, il numero 1 del mondo ne approfitta e chiude 6-2. Per Djokovic si tratta del 27° successo stagionale, a fronte dell'unico ko subito a New York, proprio per la famosa squalifica.  Agli ottavi attende il connazionale Filip Krajinovic, 29 del ranking. 

Nadal avanza: Carreno Busta ko

leggi anche

Berrettini non sbaglia: sarà derby con Travaglia

Esordio agevole per il nove volte vincitore Rafa Nadal, seconda testa di serie del seeding, che ha regolato il connazionale Pablo Carreno Busta con il punteggio di 6-1, 6-1. Il maiorchino, che non giocava una partita sul rosso da 465 giorni, ovvero dalla finale del Roland Garros 2019, ha dimostrato di non aver perso feeling con l'amata superficie, nonostante il lungo periodo di assenza dai campi e un avversario in palla, vista la semifinale centrata agli US Open. Dopo aver faticato nel game di apertura, annullando anche una palla break, Rafa è andato sul velluto nel primo set, chiudendo 6-1. Copione identico nel secondo parziale, con Nadal che archivia la pratica in poco più di un'ora e attende ora uno tra Lajovic e Raonic. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche