McGregor Facchinetti, Benji Mascolo: "Conor alzolizzato e pericoloso, va fermato". Video

il caso

Il cantante, ex del duo Benji e Fede, interviene su Instagram per testimoniare a favore di Francesco Facchinetti, dopo l'aggressione subita da Conor McGregor: "Ero presente, mi ha traumatizzato. Va fermato perché è un pericolo pubblico". Intanto Facchinetti aggiorna i follower sulle sue condizioni di salute mostrando il collarino che dovrà indossare: "Distorsione cervicale e trauma cranico"

Nuovo capitolo della vicenda McGregor-Facchinetti, dopo l’accusa da parte del dj e cantante al campione MMA, accusato di aver aggredito il figlio del cantante dei Pooh con un pugno in pieno volto nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre, durante una festa in un hotel della capitale.

La testimonianza di Benji

leggi anche

Facchinetti: "McGregor mi ha dato un pugno"

A testimoniare in favore della versione fornita da Francesco Facchinetti arriva adesso Benji Mascolo (cantante, ex del duo Benji e Fede) che, attraverso una serie di Instagram stories pubblicate sul proprio profilo seguito da quasi 2 milioni di persone, ha ricostruito la vicenda lanciando pesanti accuse verso McGregor: "Ero lì con mia moglie (Bella Thorne, attrice e cantante, ndr). Ha traumatizzato me, lei e tutti i presenti. Siamo stati invitati da Conor al St.Regis Hotel di Roma per fare festa. Siamo stati due ore a scherzare e ridere, bere e mangiare con toni amichevoli. Tutto procede per il meglio, poi alle 3 di notte mia moglie dice: ‘Noi vorremmo andare a dormire‘ e salutiamo Conor".

"Dal niente, per nessun valido motivo, Conor tira un pugno in faccia a Francesco Facchinetti. Un pugno vero, gli spacca il labbro. Lo ha fatto volare. Le guardie di Conor lo hanno bloccato altrimenti sarebbe andato avanti. Un pazzo scatenato, schizofrenico. Era una serata bellissima tra amici. Francesco era aperto in faccia, con tanto sangue. Abbiamo tamponato con il ghiaccio del vino e, scortati da altre due guardie, siamo scappati dall’uscita d’emergenza”. Benji, fan per anni di McGregor, è rimasto sconcertato e continua: “Va denunciato, se lo facesse poi a qualcun altro? Ripeto: c’erano anche le nostre mogli. Sono dalla parte di Francesco, se potrò andare in tribunale per testimoniare contro Conor, lo farò”.

"McGregor? Drogato e alcolizzato"

approfondimento

Atleti più pagati, McGregor supera Messi

Più tardi, lamentando il fatto che sui social c’è chi stia facendo dell’ironia sulla vicenda (oltre a chi non crede alla versione di Francesco Facchinetti), ha pubblicato una nuova storia: “C’è gente che mi scrive che sto inventando tutto: se volte difendere McGregor, difendetelo, ma questa è la verità; questo è quello che è successo e non sono l’unico testimone. Queste persone vanno fermate, non me ne frega un ca… che sia una celebrità mondiale, questa persona è drogata fino al midollo, alcolizzato da fare schifo. Deve andare in un rehab. Molti fanno uso di stupefacenti e ognuno può fare quello che vuole con il proprio corpo ma se diventi un pericolo pubblico, meriti di essere punito. Deve pulirsi e pagare per le sue azioni, con la galera o come deciderà il giudice”.

Facchinetti mostra il collarino

 

Nel frattempo, anche Francesco Facchinetti ha fornito aggiornamenti via Instagram sulle sue condizioni di salute, mostrando il collarino che dovrà indossare nei prossimi giorni dopo il pugno ricevuto da McGregor e accompagnando le immagini con la didascalia “Tranquilli, noi facciamogli pure battezzare il figlio dal Papa in Vaticano”, dato che il campione di MMA è in Italia in questi giorni per battezzare il piccolo Ryan, di quattro mesi, in Vaticano. "Il mio nuovo amico per otto ore al giorno, compresa una bella distorsione cervicale e trauma cranico", racconta Facchinetti mostrando il collarino. "Pensate che c'è qualcuno che sostiene che io debba dire la verità del perché mi ha tirato un pugno e non lui che deve giustificarsi... Ma lui non lo dirà mai perché non ci sono spiegazioni".

Il tweet di Alessia Marcuzzi

 

Infine, dopo l’intervento della moglie Wilma Helena Faissol, testimone della scena, che aveva invitato i suoi follower a stare lontano da McGregor perché "persona pericolosa e instabile", è intervenuta anche l’ex compagna di Francesco Facchinetti, Alessia Marcuzzi (i due hanno una figlia insieme, Mia), che su Twitter ha scritto: “Scusate ma da quando tirare un pugno è diventato normale? Cioè questo signore se ne va in giro ad aggredire la gente (guardate cosa ha fatto ai VMA), ma siccome è il grande McGregor piovono battute? Io non rido per niente. Sono con te, Francesco. No alla violenza".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche