Biathlon, Dorothea Wierer quinta nella mass start di Nove Mesto

biathlon
©Getty
wierer_nove_mesto

L’azzurra fa tre errori al poligono ma difende con le unghie il primo posto nella generale, anche se le avversarie si avvicinano

Le principali antagoniste di Dorothea Wierer per la conquista della Coppa del Mondo di biathlon ci sono e vanno forte, ma il quinto posto nella mass start di Nove Mesto permette all’azzurra di gestire ancora il vantaggio accumulato finora. Una gara solida di Dorothea, che dimostra la sua straordinaria continuità, peccato solo per i due errori nel primo poligono in piedi (saranno tre in totale) che l’hanno costretta a rimontare nel finale fino al quinto posto. Vince la norvegese Eckhoff, alla settima vittoria in stagione staffette escluse, una gara di testa chiusa con impressionante tranquillità e con un solo errore, davanti alla svedese Oeberg anche lei con un solo centro mancato. Diventano loro le principali avversarie di Dorothea che riamane davanti nella generale con 776 punti, poi Eckhoff che ora è seconda con 707 e Oeberg con 705.

Un finale da brividi

La Wierer riesce a difendere la leadership anche nella Coppa di specialità della mass start, ma ora con 223 punti ha solo 13 punti di vantaggio su Eckhoff e 23 su Oeberg, sempre loro. E manca solo una mass start alla fine della stagione, perché è prevista solo nell’ultima tappa ad Oslo.

Mancano due weekend di gara per chiudere la Coppa del Mondo, la prossima settimana si andrà a Kontiolahti in Finlandia dove ci saranno sprint, inseguimento e staffette miste.

Poi gran finale ad Oslo con sprint, inseguimento e mass start. Dorothea è al comando anche nella classifica della Sprint dove ha 29 punti di vantaggio sulla tedesca Herrmann ed è seconda nell’inseguimento dove deve recuperare 45 punti a Eckhoff. Ma l’obiettivo principale rimane la conquista della Coppa generale, impresa riuscita nella passata stagione, prima italiana di sempre. Ma si sa, ripetersi è sempre più bello e più difficile. Dopo un mondiale da protagonista, Dorothea ha due settimane per chiudere la miglior stagione di sempre per l’Italia del biathlon.

I più letti