Mondiali Basket, Petrucci: “Italia, l’obiettivo ora è andare alle Olimpiadi”

Basket

Un risultato che lascia l’amaro in bocca quello raccolto contro la Spagna, ma il presidente della FIP Gianni Petrucci guarda già oltre: “Ho chiesto ai giocatori di sacrificarsi l’anno prossimo e di partecipare al preolimpico. Sacchetti resta, il futuro dell’ItalBasket è Niccolò Mannion”

Segui tutto il mondiale di basket in Cina in esclusiva sui canali Sky Sport

ITALIA, CHE RIMONTA DA -26! PORTO RICO BATTUTO ALL'OT

ITALIA, CHE PECCATO! VINCE LA SPAGNA, SIAMO FUORI DAL MONDIALE

È tempo di bilanci per la spedizione azzurra in Cina e a farli non può che essere Gianni Petrucci - presidente della Federazione Italiana Pallacanestro, intervistato in esclusiva da Sky Sport: “Il voto che dò a questa avventura mondiale azzurra è sufficiente: non posso andare più giù come valutazione perché l’obiettivo del preolimpico è stato raggiunto. Certo, avevamo sognato una bella vittoria con la Spagna che non è arrivata. Ho parlato dopo la partita con lo staff tecnico e poi anche con la squadra: ho sottolineato che lo sport è l’unica economia del Paese che ti mette a disposizione una rivincita subito dopo. Contro la Spagna abbiamo vinto i primi 10 minuti, perso i secondi. Al preolimpico potremo giocare il secondo tempo di questa sfida. Ho chiesto ai giocatori un sacrificio - tutti sappiamo che il torneo verrà giocato alla fine dei campionati e a ridosso del termine della stagione NBA - e di mettersi a disposizione per un’altra estate in maglia azzurra”. Petrucci poi non mette in discussione neanche per un istante la conferma di Sacchetti in panchina: “Sarei un pagliaccio se a questo punto cambiassi idea. Ho grande fiducia nel coach. Lo sport è fatto di attimi, di momenti. È chiaro che ci sarà necessità di interrogarsi sulle ragioni alla base di sconfitte tutte uguali, tutte nel finale - anche in amichevole. Il dispiacere e la rabbia sono frutto del fatto che con la Spagna eravamo a un passo dal traguardo, ma sempre lì ci fermiamo”.

Petrucci: “Siamo forti sulla carta, ma gli altri non sono da meno”

Il momento ideale anche per porre fine all’eterna questione dei giudizi dati troppo presto su un gruppo che non è mai riuscito ad arrivare fino in fondo in nessuna competizione negli ultimi anni: “Io ho sempre detto che questa nazionale è forte come nomi sulla carta. Certo, gli altri sono anche superiori - visto che hanno 5, 6, 7 giocatori in NBA. Noi dobbiamo fare i conti con una realtà che non dipende dalla Federazione che non crea. Tutti chiedono a noi, ma il nostro lavoro è massimo rispetto alle legge e alle possibilità messe a disposizione anche dall’Unione Europea. Se non vinciamo con la Nazionale maggiore però il movimento ne risente. Nelle giovanili siamo spesso campioni, sia al maschile che al femminile. Secondi e terzi in Europa, davanti a nazioni come Francia e Spagna. Ma se poi questi ragazzi non trovano spazio in Serie A, a cosa servono queste vittorie?”. Complicato trovare anche il modo di fare di più: “Noi continuiamo a interrogarci sulle ragioni del mancato successo: abbiamo avuto a disposizione in panchina i migliori allenatori su piazza. Pianigiani, Messina e Sacchetti. Che possiamo fare di più? La Federazione cerca di mettere a disposizione il meglio possibile”. Preolimpico dunque ultima chiamata, anche se sullo sfondo c’è l’Europeo 2021 che l’Italia ospiterà nella sua prima fase a Milano. E poi? Su chi puntare in futuro? “C’è Mannion, che è già una realtà straordinaria. Ci sono altri giocatori che stiamo cercando, come ad esempio Di Vincenzo. Stiamo lavorando in questa direzione anche per il presente e il futuro dell’ItalBasket. In questo dobbiamo essere anche fortunati nel trovare dei giocatori nel campionato che riescano a mettersi in mostra”.   

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche