Mondiali basket, i risultati dell'8 settembre: Spagna ok, Nigeria e Iran alle Olimpiadi

Basket

Terza giornata della seconda fase del Mondiale: Italia e Russia vincono e chiudono al terzo posto il loro girone, l'Argentina invece supera anche la Russia e si prende il primo posto del Gruppo I. La Spagna travolge la Serbia (che perde la testa, con Nikola Jokic espulso) e resta imbattuta. Successi fondamentali per Nigeria e Iran che grazie alla differenza canestri si prendono i due pass per le Olimpiadi, beffando Cina e Tunisia

Segui tutto il mondiale di basket in Cina in esclusiva sui canali Sky Sport

ITALIA, CHE RIMONTA DA -26! PORTO RICO BATTUTO ALL'OT

GALLINARI: "SARO' AL PREOLIMPICO"

Spagna-Serbia 81-69 (Gruppo J)

La squadra di Sergio Scariolo batte con merito la Serbia – favorita alla vigilia della sfida – mostrando i difetti dei balcanici che fino a questo momento non erano mai venuti fuori. Marc Gasol e Ricky Rubio guidano i compagni rispettivamente con 11 e 19 punti, oltre che con una leadership tecnica e mentale tipica dei grandi campioni. La Serbia dura un quarto, poi molla il colpo e la testa, incapace di reagire al perfetto piano partita degli spagnoli. Nikola Jokic è impalpabile nei primi due quarti e nel momento della riscossa arriva un’espulsione per proteste. La gara finisce virtualmente lì, nonostante Bogdan Bogdanovic chiuda con 26 punti, dieci rimbalzi e sei assist una gara sontuosa. Non basta però alla Serbia per evitare il secondo posto: ai quarti ci sarà per loro l’Argentina, mentre la Spagna se la vedrà con la Polonia.

Italia-Porto Rico 94-89 OT (Gruppo J)

CLICCA QUI PER LEGGERE IL RESOCONTO DELL'ULTIMA VITTORIA AZZURRA AL MONDIALE

Venezuela-Russia 60-69 (Gruppo I)

Si conclude con un successo inutile il Mondiale della Russia – una delle grandi deluse della competizione, fortunata nel sorteggio e non in grado di approfittare delle avversarie abbordabili per conquistare un posto tra le migliori otto al mondo. I russi conquistano una vittoria meno facile del previsto contro il Venezuela grazie ai 17 punti messi a segno da Andrey Vorontsevich e ai 12 a testa di Motovilov e Kurbanov. Dall’altra parte a guidare i sudamericani sono i 19 punti realizzati da Michael Carrera.

Polonia-Argentina 65-91 (Gruppo I)

L’Argentina continua la sua cavalcata trionfale nel Mondiale, battendo senza problemi anche la Polonia, prendendosi il primo posto nel girone e confermando il fatto di essere la miglior squadra della parte alta del tabellone. Un successo mai in discussione, deciso dal doppio parziale da 22-13 e 28-14 con cui nella seconda e terza frazione gli argentini hanno chiuso i conti. Alla sirena finale il miglior realizzatore (neanche a dirlo) è Luis Scola: 21 punti, sei rimbalzi e un eloquente +23 di plus/minus. Una vittoria strameritata, per una nazionale esperta che non vuole arrendersi.

Costa D’Avorio-Corea del Sud 71-80 (Gruppo M)

Arriva all’ultimo appuntamento utile la prima e unica vittoria nel Mondiale della Corea del Sud. A farne le spese è la Costa D’Avorio, che prova invano a rientrare nel finale della sfida (e torna a casa dopo aver incassato cinque ko in altrettanti match). Alla sirena finale sono 26 punti e 16 rimbalzi per Guna Ra – per distacco il miglior giocatore nel torneo degli asiatici – mentre dall’altra parte Charles Aboudo raccoglie 15 punti.

Cina-Nigeria 73-89 (Gruppo M)

Vittoria fondamentale della Nigeria, che piazza il parziale nel secondo quarto contro i padroni di casa e poi controlla una sfida decisiva per il destino di Josh Okogie e compagni. Il successo con la Cina infatti garantisce alla Nigeria l’accesso alle Olimpiadi come miglior squadra africana: la Tunisia resta dietro a causa della differenza canestri (3-2 il record di entrambe nella manifestazione, ma il +54 nella differenza canestri complessiva dei nigeriani contro il -9 di Salah Mejri e compagni). La Cina chiude nel peggiore dei modi un Mondiale disastroso senza mezzi termini: sconfitta e beffa olimpica, visto che la miglior asiatica è l’Iran.

Tunisia-Angola 86-84 (Gruppo N)

La Tunisia, che mai aveva vinto una partita al Mondiale nella sua storia, chiude in bellezza e batte in volata l’Angola in una partita che potrebbe regalare il preolimpico alla squadra africana. Alla sirena finale sono 21 punti per Michael Roll, 20 per Ben Romdhane e 18 con otto stoppate per Salah Mejri. Il giocatore visto più volte sui parquet NBA ha sintetizzato lo stato d’animo di un’intera nazione al termine della sfida: “Noi abbiamo vinto, abbiamo fatto il nostro dovere. Adesso la Cina deve battere la Nigeria e regalarci così un pass per la seconda Olimpiade della nostra storia. Ragazzi, pensateci voi!”. Le cose però non sono andate nel modo sperato dalla Tunisia.

Iran-Filippine 95-75 (Gruppo N)

È festa per l’Iran, che batte le Filippine con 20 punti fondamentali di margine e approfitta del ko della Cina per prendersi il pass olimpico riservato alla migliore squadra asiatica al termine del Mondiale. Le due squadre infatti chiudono con lo stesso record (2 vittorie e 3 sconfitte), ma la differenza canestri premia l’Iran (+10 contro il -10 della Cina), regalando ad Hamed Haddadi e compagni un biglietto per Tokyo 2020. Andray Blatche chiude il suo mondiale con 12 punti, cinque rimbalzi, cinque assist e un’altra sconfitta. Ma questa davvero non è una notizia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.