user
11 agosto 2018

Manchester United, rigore Pogba come Zaza: la rincorsa dal dischetto scatena il web. VIDEO

print-icon

Il rigore calciato dal francese contro il Leicester ha ricordato quello dell'attaccante lucano nell'Europeo contro la Germania: una lunga attesa prima del tiro caratterizzata da una piccola 'danza' sul pallone. Diversi però sono stati gli esiti dei due penalty. Dopo la gara il fuoriclasse francese ha lanciato un messaggio sibillino sui suoi social

NEWCASTLE-TOTTENHAM LIVE

CRITICHE, KG DI TROPPO E GOL: LA RINASCITA DI SHAW

LA PRIMA GIORNATA DI PREMIER: IL PROGRAMMA

Dal poker alla Croazia al 2-1 al Leicester. Il passaggio di Pogba, in termini temporali, è stato brevissimo e il francese non ha risentito né della stanchezza né della differenza di motivazioni: stessa intensità ed efficacia in campo, fondamentali sia per consentire alla Nazionale di Deschamps di laurearsi campione del mondo che al Manchester United di iniziare con tre punti preziosissimi il suo campionato. Una prestazione, quella con la maglia dei Red Devils, che ha impressionato anche José Mourinho: "Ha dato un contributo straordinario - ha dichiarato lo Special One a fine partita -. Avevamo ipotizzato 60 minuti in campo per lui, è riuscito addirittura ad arrivare a 80". Oltre alla prova in generale, l'ex Juventus ha dato il suo apporto al match trasformando dopo pochi minuti il rigore dell'1-0 contro il Leicester. Penalty calciato benissimo e che non ha lasciato scampo a Schmeichel, ma che, per via della sua preparazione, ha scatenato gli utenti sui social. Alcuni sono rimasti irritati dalla rincorsa del centrocampista, caratterizzata da una serie di passetti cortissimi e quasi impercettibili che ne hanno allungato l'esecuzione fino al destro finale sotto l'incrocio, ma la maggior parte di loro ha scherzato sulla cosa, lasciandosi andare a commenti esilaranti. "Credevo che il mio Sky Sports fosse andato in buffering" ha scritto Sam Wallace, un giornalista del Telegraph. Un tipo di battuta che ha inevitabilmente ricordato quella di Simone Zaza all'ultimo Europeo disputato dall'Italia, difficile da dimenticare per i colori azzurri. Si giocava il quarto di finale contro la Germania e la sfida si prolungò fino alla lotteria dei rigori, dove gli errori di Pellè e dell'attaccante lucano costarono l'eliminazione alla squadra di Antonio Conte. Entrambi furono pesantemente criticati: il primo per il tentativo di stuzzicare Neuer, Zaza per la lente e snervante danza conclusa con il mancino finito ampiamente fuori dallo specchio. Pogba venerdì ha rischiato di addossarsi le stesse lamentele - l'errore sarebbe comunque pesato molto meno - ma ha avuto alla fine ragione e non ha sbagliato regalando allo United il momentaneo vantaggio. Princìpi di gioco simili, ma esiti differenti. Quanto basta per finire dal patibolo all'esaltazione.

Pogba e il futuro, messaggio criptico su Instagram

Su Pogba, 'premiato' da Mou con la fascia di capitano, c'è però ancora l'ombra del Barcellona. Ora che lo United non avrà più la possibilità di sostituirlo, diventa sempre più difficile immaginare una sua partenza, ma al termine del match ha rilasciato sui propri account social un messaggio alquanto criptico sul proprio futuro: "Darò sempre il massimo per i miei tifosi e per i miei compagni di squadra, non importa quello che sta succedendo". La sensazione è questa squadra ha assoluto bisogno del centrocampista classe '93 e solo una follia economica potrà convincere la dirigenza a cedere il proprio gioiello. Il francese ha dato poi un segnale positivo ai fan dei Red Devils nel commento post partita: "Dovevamo iniziare la Premier League vincendo e lo abbiamo fatto - ha detto -. Per me è stato un po' difficile, non avevo nessuna partita di precampionato sulle gambe. Sono tornato lunedì ed è stato molto complicato a livello fisico. Abbiamo giocato molto bene, la prova della squadra è stata buona, abbiamo vinto e dobbiamo puntare a migliorarci".

Pogba: "Partita dura a livello personale"

Premier League 2018-19, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi