Osvaldo torna a Roma in tour con la sua band: le date

Calcio

Da quando ha smesso con il calcio che "non era più il mio mondo, stavo cominciando ad odiarlo dopo averlo tanto amato", Dani Osvaldo si è dedicato alla musica a tempo pieno. E nel 2019, con la sua Band - i Barrio Vejo - suonerà in tour in Italia e in Europa

OSVALDO ROCK: "LA GENTE PENSA CHE IO SIA PAZZO"

OSVALDO: "IN CAMPO ERO IL MIGLIORE, MA COMINCIAVO AD ODIARE IL CALCIO"

Aveva smesso con il calcio a soli 30 anni, nel 2016, perché "dopo averlo amato tanto, non era più il mio mondo: ero arrivato ad odiarlo". Per Pablo Daniel Osvaldo, adesso, c’è solo la musica. Il rock, la sua grande passione. Che lo ha portato a fondare una band, i Barrio Vejo, e a fare il cantante a tempo pieno. Già un singolo ("Desorden") e due album all’attivo, uno pubblicato ("Liberación"), l’altro in uscita; e una passione che lo porterà in giro per l’Europa in tour. Europa e, ovviamente, Italia: perché Dani non poteva mancare nel paese che più di tutti lo ha visto protagonista in campo con le maglie – tra le altre – di Roma, Juventus, Inter, Fiorentina, Lecce. Adesso però niente più scarpini e gol, ma solo un palco, microfono e chitarra: Osvaldo tornerà anche a Roma il 19 gennaio 2019, suonerà alla Locanda Blues. Prima Paganica (5 gennaio), Olbia (10 gennaio), Sassari (11 gennaio), Imola (16 gennaio) e infine Pisa (2 febbraio). I Barrio Vejo si esibiranno anche in Germania, Austria e Belgio.

"Di certo non ero come Ronaldo: lui dopo gli allenamenti fa palestra, io..."

"Di certo non ero come Ronaldo, che dopo gli allenamenti torna a casa e fa palestra: mi bastava il talento. In campo ero il migliore, ma al 90’ per me finiva tutto. Questo però non vuol dire nulla: avevo semplicemente altri interessi, la sera uscivo e questo lo pagai". La storia d'amore di Osvaldo con il calcio è sempre stata complessa: l'ex attaccante aveva rivelato i motivi che lo avevano portato a smettere in un'intervista di qualche mese fa: "La gente non lo capisce e mi guardano come se fossi pazzo. Mi dicono: avevi tutto, hai giocato nelle migliori squadre del mondo e hai deciso di smettere? Sei matto. La gente non capisce, ma è questa la mia passione." Una passione che lo rende felice: "Oggi ho una vita diversa e sono felice così. Da calciatore era una routine militare, ad esempio io amo tanto fumare, ma mi sentivo sorvegliato". Niente più pressione, adesso: la pressione non esiste, per le rockstar.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche