Brasile, Douglas Costa: "Lo sputo a Di Francesco? Ero fuori di me"

Calcio

Il brasiliano torna sull'episodio dello sputo a Di Francesco: "Ne ho parlato con il Ct e mi sono scusato, ero fuori di me e non mi era mai capitato. Per me è un sogno giocare per il Brasile, il Mondiale fa ancora male ma dobbiamo pensare alla prossima Coppa America"

JUVE DA RECORD: È IL MIGLIOR INIZIO DI SEMPRE

MILAN-JUVE 0-2: GOL E HIGHLIGHTS

CR7, DOPO IL GOL SAN SIRO 'ESULTA' COME LUI. VIDEO

Insegue ancora il primo gol in stagione Douglas Costa, a secco sia in campionato che in Champions League. Dal punto di vista delle prestazioni, l'inizio del brasiliano era stato anche positivo, fino a quell'espulsione rimediata alla quarta giornata contro il Sassuolo. Lo sputo a Di Francesco ha macchiato la prima parte del suo campionato, successivamente Douglas Costa ha collezionato quattro presenze partendo dalla panchina e appena 26 minuti in Champions League. Nessun gol e un assist contro il Cagliari, rendimento che però non gli ha impedito di essere convocato dalla Nazionale. "Dello sputo a Di Francesco ne ho parlato faccia a faccia con il Ct, lui mi ha detto quello che pensava e io lo rispetto molto e mi sono scusato. È stato un brutto episodio, ero fuori di me e non mi era mai capitato nella mia carriera. Ora spero di lasciarlo alle spalle e di continuare a lavorare".

"Il Mondiale fa ancora male"

Sulla Nazionale, aggiunge: "È sempre stato un sogno per me far parte della nazionale brasiliana, cerco sempre di conquistarmi più spazio. Quel che voglio è giocare per il Brasile nei prossimi anni, per un calciatore è il massimo. Il Mondiale fa ancora male, c'erano grandi aspettative. Ma adesso dobbiamo concentrarci sulla Coppa America 2019, si giocherà in Brasile e dobbiamo fare bene lì".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche