Italia, Quagliarella: "Credevo mi chiamassero per lo staff. Segreto? Il lavoro"

Calcio

L'attaccante della Sampdoria al ritorno in Nazionale: "Che soddisfazione ritrovare l'Italia a 36 anni. Il lavoro paga sempre e la serietà nel farlo è il mio segreto. Il record di Batistuta? È stato fantastico eguagliarlo, ho provato a batterlo ma con il Napoli non era facile. Nazionale? Mancini guarda tutti, ora lavorerò con tanti giovani e mi piacciono particolarmente Zaniolo e Chiesa"

MANCINI: "ZANIOLO PUÒ ESSERE TITOLARE"

I CONVOCATI DI MANCINI

È l'uomo del momento in Serie A, l'attaccante capace di segnare in ben 11 partite consecutive. Oltre ad eguagliare il record di Batistuta, Fabio Quagliarella è riuscito a riconquistare la Nazionale a 36 anni. Un'emozione particolare per il capitano della Sampdoria: "Il mio segreto è sempre stato lavorare con serietà, questo alla lunga paga – ha dichiarato in conferenza stampa – Essere convocato a 36 anni è motivo di grande soddisfazione, significa che Mancini osserva tutti e premia chi merita. Quando mi hanno informato della chiamata ho chiesto: ma mi vogliono nello staff? Battute a parte, stare in mezzo a tanti giovani da' energie. Oggi mi ritrovo a quest'età a giocare con tanti giovani che faranno bene in futuro. L'importante è allenarsi e riposarsi bene, avere un'alimentazione sana. Alla Samp poi sono ringiovanito anche per la posizione in campo, gioco più vicino alla porta. Come idoli avevo Montella e Sheva, ma sono cresciuto con le cassette di Maradona. Il record di Batistuta? Una grande gioia, era impensabile e ringrazio i miei compagni. La settimana scorsa è stata intensa, ho provato a isolarmi dai complimenti. A Napoli ci pensavo al gol ma ero sereno, avevamo davanti una grande squadra e va bene così".

"Mi piacciono molto Zaniolo e Chiesa"

Sulla Nazionale aggiunge: "L'Italia è molto propositiva. Gioca, crea, prova subito a recuperare palla. A prescindere dal girone, siamo l'Italia e dobbiamo tornare a essere quel che siamo sempre stati. Mancini è un simbolo della Samp, per me è un onore essere allenato da lui. L'affetto della gente lo percepisco e spero di ripagare tutti. I giovani? Mi piacciono molto Chiesa e Zaniolo, ma ce ne sono tanti che il Ct non si lascerà scappare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche