Palermo, Pergolizzi e Castagnini si presentano: "Qui per vincere"

Calcio

Presentati l'allenatore e il direttore sportivo che guideranno i rosanero in Serie D. Emozionato Pergolizzi, palermitano doc: "Ho sempre sognato di tornare qui, per me è un sogno che si avvera". Il ds: "Cerchiamo giocatori bravi, giovani e con personalità"

PALERMO, SI RIPARTE DA SANTANA: TORNA IN SICILIA 13 ANNI DOPO

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Rosario Pergolizzi in panchina, Renzo Castagnini nel ruolo di direttore sportivo. Il nuovo corso del Palermo riparte da loro due. Obiettivo, vincere la Serie D al primo colpo e ritrovare quel professionismo perso poco più di un mese fa. Pergolizzi e Castagnini sono stati presentati in conferenza stampa a una settimana dall'avvio del ritiro, previsto il 12 agosto a Petralia Sottana.

Pergolizzi: “Fiero di poter rappresentare la mia città”

In attesa di definire la rosa che avrà a disposizione, con l'esterno d'attacco Mario Santana e il centravanti Giovanni Ricciardo che rappresenteranno i primi innesti, Pergolizzi ha mostrato di avere idee chiare sullo spirito del nuovo Palermo: "Ho sempre sperato di tornare a Palermo, adesso è capitata questa occasione e non so descrivere la mia felicità. Siamo qua per cercare di onorare questa maglia e fare il bene non nostro, ma della città e dei tifosi - le sue parole - sono orgoglioso di tornare nella città dove sono cresciuto e ho giocato. Per me è un sogno che si avvera, è il sogno che tutti i palermitani vorrebbero avere". Cresciuto nel settore giovanile del Palermo da difensore, tornato in Sicilia per allenare la Primavera dal 2005 al 2010, ora Pergolizzi è pronto per guidare la prima squadra dopo le esperienze da allenatore con Portogruaro, Pavia, Ascoli, Marsala ed Empoli Under 17. "Ben vengano le responsabilità – la sua certezza - per me è fondamentale il lavoro così come la professionalità e il rispetto delle regole". A un patto: "Dobbiamo ricordarci che siamo in Serie D. Il tifo e la città sono da Serie A e lo saranno sempre, noi dobbiamo pensare sempre che siamo in Serie D. So quello che mi aspetta, nel bene e nel male, ma sono abituato a guadagnarmi tutto sul campo”.

Castagnini: "Inutile fare promesse, dobbiamo solo vincere"

Ultima esperienza in B a Brescia, trascorsi da dirigente con Salernitana, Catania, Cosenza, Vicenza, Piacenza e Barletta, Renzo Castagnini non ci ha pensato due volte ad accettare la proposta del Palermo. "Sono onorato di essere qui, consapevole di dover affrontare un lavoro difficile, ma convinto di poter fare bene. È inutile fare promesse e proclami, dobbiamo solo vincere. Ci proveremo e lo faremo con tutte le nostre forze. Stiamo lavorando per essere pronti, ce la metteremo tutta per allestire una squadra all'altezza - le sue parole - più che lavorare dalle 8 a mezzanotte non possiamo fare, a volte non dipende da noi perché ci sono tanti fattori. È vero che Palermo è attrattiva, però un fatto è parlare e un altro è accettare le condizioni della categoria". L'identikit dei rinforzi è già stilato: "Qui non deve venire gente per svernare, ma per buttare sangue. Noi non lo facciamo per soldi, se facciamo questo tutti, allora sicuramente vinceremo. Abbiamo la certezza di portare in squadra dei giocatori bravi ma anche giovani e con personalità, perché giocare a Palermo non è facile”.

I più letti di calcio