Il nostro Scirea, un libro per rivivere il numero 6 più famoso della storia bianconera

Calcio

Guido Vaciago (giornalista Tuttosport)

176 pagine, oltre 80 fotografie di Salvatore Giglio, 50 riproduzioni di pagine storiche di Tuttosport, oltre ad interviste inedite a personaggi che hanno conosciuto Scirea. Il miglior modo per ricordarlo o farlo scoprire ai più giovani

#SKYBUFFARACCONTA GAETANO SCIREA, LIBERO PER SEMPRE

LA COPPA DEL MONDO 82 AL JMUSEUM PER MOSTRA DEDICATA A SCIREA

Gaetano Scirea è un mondo nel quale rifugiarsi: può essere di volta in volta struggente, confortante, esaltante e sempre ispirante. Nello sport di oggi c'è poco di simile a lui, al suo essere calciatore e al suo essere uomo. E così come quei dischi senza data in cui ci si tuffa sempre per mille buone ragioni, Scirea e le sue storie sono lì, un'oasi a disposizione di tutti.

Scrivere di Scirea è stato e sarà sempre un enorme privilegio. Pur essendo sempre più difficile raccontare qualcosa di veramente inedito, non è per nulla complicato scovare qualcosa di nuovo da cui farsi colpire: un dettaglio, una frase, un episodio. E poi, inutile nascondersi, Scirea è l'alleato perfetto per emozionare chi legge. Ha lasciato un'eredità umana e sportiva talmente viva nell'anima di tutti che basta poco per farla vibrare.

Tutti hanno un ricordo legato a Scirea. Non bisogna essere juventini, forse neppure grandi appassionati di calcio per conservare l'immagine di quel sorriso solo leggermente increspato, i modi gentili e lo strepitoso talento calcistico. Strepitoso, sì, perché Scirea, in questi trent'anni che ci separano dalla sua scomparsa, è stato celebrato come il gentiluomo o lo sportivo testimone di valori autentici.

Giusto. Ma si è finito per coprire con il pur prezioso mantello umano il formidabile luccichio del calciatore, che resta uno dei più grandi di tutti i tempi. Libero, diceva l'almanacco, cioè un difensore, ma Scirea era qualcosa di più, perché attaccava come una punta e impostava come un centrocampista. Era un calciatore totale, forse più simile a un Pirlo che a un difensore di oggi per la completezza tecnica e la sapienza tattica.

I compagni ne erano innamorati e questo è facile. Gli avversari provavano quell'ammirazione che tuttora rende loro orgogliosi di aver calpestato gli stessi prati e questo è un po' più difficile.
Ma in definitiva quale era il segreto di Scirea, come ha fatto a rimanere così vivo per trent'anni dopo la sua morte? Ce ne sono due: l'essere stato uno sportivo geniale ed eccellente è il primo; l'essersi dato da seguire regole semplici (e non semplificate) come essere umano è il secondo: educazione, rispetto, umiltà. Eterne, come un disco dei Pink Floyd.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche