Milan femminile, Scaroni: "Obiettivo professionismo. Puntiamo alla Champions"

Calcio

"Ci auguriamo che il calcio femminile possa diventare uno sport professionistico. Noi ci siamo mossi prima di tutti, siamo il primo club a fornire un'assistenza previdenziale alle nostre calciatrici". Il presidente del Milan, intervenuto alla presentazione della squadra femminile punta in alto. Ganz: "Spero di giocare il derby a San Siro"

VERONA-MILAN LIVE

IL MILAN SI PRESENTA: LA FOTOGALLERY

SERIE A AL VIA: LA GUIDA AL CAMPIONATO

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Giorno di presentazione per il nuovo Milan femminile. La squadra, affidata a Maurizio Ganz dopo la separazione da Carolina Morace, è stata accompagnata dal presidente Scaroni nella sede del Banco BPM di Piazza Meda a Milano. All’evento, oltre all’allenatore e alla rosa al completo, erano presenti anche alcuni dirigenti rossoneri come Franco Baresi e Daniele Massaro.

Scaroni: “La passione per il calcio femminile non è una moda”

Il presidente rossonero si è detto soddisfatto degli obiettivi finora raggiunti, ma auspica una crescita ancora più significativa, sia della squadra che dell’intero movimento femminile: "La scorsa stagione è andata bene, ma speriamo che quest'anno vada benissimo. Vogliamo la qualificazione in Champions League. Abbiamo 25 ragazze di nazionalità diverse, siamo multinazionali e siamo sicuri che faranno bene.  Tutto questo in un quadro dove il Milan ha creduto subito nel calcio femminile perché siamo partiti tra i primi, siamo l’unica squadra che fornisce un’assicurazione previdenziale e ciò deve essere un primo passo per il professionismo. Il Milan Femminile farà grandi cose e spero già da domenica. Ho visto Ganz subito nervoso, scalpitante e così è anche per me e per le giocatrici. Brave ragazze. Sono convinto che questo mondo non sia una moda passeggera, ma continuerà a crescere perché la qualità del gioco è rara trovarla anche in formazioni maschili".

Ma, oltre al lavoro del Milan, Scaroni ha chiesto che un supporto decisivo venga anche dalla federazione: "La nostra FIGC investe 3 milioni e mezzo nel calcio femminile, quando gli inglesi ne investono 16. Abbiamo tanta strada da fare e la faremo. Leggevo che durante i mondiali 25 milioni di italiani hanno guardato le partite. Più spettatori, più sponsor, più investimenti, più crescita e più tutto, questo il percorso da seguire".

Ganz: “Queste ragazze si impegnano più dei loro colleghi”

Maurizio Ganz, ex giocatore di Inter e Milan, è alla prima esperienza come allenatore nel calcio femminile, ma è già entusiasta: "Sono emozionato perché iniziamo una stagione importante. Non vedo l'ora che arrivi la partita con la Roma e di veder giocare queste ragazze perché sono delle guerriere. Non mi aspettavo di trovare un ambiente così pulito. Danno il cento per cento, hanno passione e voglia di imparare. Devo frenarle perché hanno sempre voglia di allenarsi. Nelle precedenti esperienze i maschi arrivavano poco prima e andavano via subito, loro fanno prevenzione prima, fanno quello che devono fare dopo. Sono fantastiche". Un’atmosfera che ha spinto Ganz a fissare l’asticella degli obiettivi molto in alto: "Non mi era mai capitato di finire e di non veder l'ora che arrivasse il giorno dopo per tornare a fare allenamento. Non pensavo di provare queste emozioni. Vogliamo partire per vincere il campionato, ci credo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche