The Best FIFA 2019, Boban: "Berlusconi? Rispettiamo le sue critiche"

Calcio

Il chief football officer del Milan ha fatto il punto sul momento dei rossoneri: "La situazione non è rosea, anche Giampaolo immagina una squadra diversa. Con degli accorgimenti e il duro lavoro miglioreremo"

THE BEST FIFA, MESSI È IL MIGLIOR GIOCATORE - FIFA THE BEST 2019, CHI HA VOTATO CHI

TOP 11 DELL'ANNO FIFA, CI SONO CR7 E DE LIGT

MANCINI: "CONTRO RAZZISMO CONTINUIAMO A LAVORARE"

CAMPIONI E GLAMOUR, LO SHOW DEI PREMI FIFA: LE FOTO

FIFA THE BEST, TUTTI I VIDEO

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Il derby perso con l’Inter ha riabbassato l’umore in casa Milan, che veniva da due vittorie consecutive con Brescia e Verona. Presente al Best FIFA Football Award 2019, Zvonimir Boban ha discusso del momento, partendo dalle critiche mosse da Silvio Berlusconi: "Ognuno è libero di avere le proprie idee, figuriamoci Berlusconi che ha fatto tanto per il Milan. Qualche volte forse bisognerebbe saper scegliere le parole giuste, ma va bene così: il presidente ha dato veramente tanto a tutti noi e a questa società, quindi rispettiamo il suo pensiero. Gli altri pensieri invece non sono rosei, dobbiamo migliorare e cercheremo di farlo e serve solo del tempo. Anche Giampaolo sicuramente vuole un Milan diverso e migliore. Ci sono tante cose in cui dobbiamo migliorare, sono sicuro che con degli accorgimenti e con un lavoro duro e intelligente ce la faremo".

Boban: "Messi, premio meritato"

Lionel Messi è stato premiato come miglior calciatore, una scelta che trova d’accordo Boban. "Il premio a Messi è assolutamente meritato, è quello che ha dimostrato qualcosa in più degli altri e lo fa ogni anno, qualche volta i suoi risultati individuali non vanno di pari passo con quelli collettivi. È certamente il migliore dell'anno calcistico considerato dalla FIFA; questo è un premio individuale, non collettivo. Modric? Mi viene sempre il magone a vedere questi campioni, ma non perché non è venuto al Milan ma perché è una grande emozione. In Croazia lo ammiriamo tutti e abbiamo un rapporto speciale" ha concluso il chief football officer del Milan.

Galliani: "Conte è un mio rimpianto"

Anche Adriano Galliani, presente alla manifestazione, ha rilasciato alcune dichiarazioni: "Sono dispiaciuto come tutti i tifosi, è naturale quando si perde un derby come quando li perdevamo e io ero l’amministratore delegato. Tifoso ero e tifoso rimango, la passione non c'entra col lavoro. Ci sono degli amici ora in dirigenza e loro si occuperanno del Milan. Per il campionato vedo una lotta a tre più serrata rispetto agli scorsi anni, tra Inter, Juventus e Napoli dette in ordine alfabetico. Lo scudetto al Napoli con Ancelotti sarebbe una gioia per una città che ha avuto tanti problemi, sarebbe una cosa carina. Conte è un grandissimo allenatore, il calcio è fatto di professionismo: come le squadre cambiano dirigenti e calciatori così si cambiano anche gli allenatori. Ho qualche rimpianto perché l'Inter ha un grande allenatore".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche