Cannavaro a Sky: "Ai Mondiali 2006 Lippi sbagliò solo l'avversaria della finale"

Calcio

L'ex difensore, ora allenatore del Guangzhou, è tornato a parlare in diretta a #CasaSkySport dove ha avuto l'occasione di rispondere anche alle vostre domande. Sul Mondiale del 2006: "Lippi sognava di vincere in finale contro il Brasile. Ha sbagliato solo l'avversario". E su Capello: "Al Real Madrid ho passato dei primi mesi difficili. Gli che non ce la facevo più, ma lui non volle togliermi. Eravamo 7 punti sotto al Barcellona, ma lì ho capito quanto valesse come allenatore"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Fabio Cannavaro osserva da lontano la battaglia che l'Italia sta combattendo contro il Coronavirus. La Cina, la sua seconda casa, l'ha vinta: "Qui si sta tornando alla normalità - ha raccontato in diretta con #CasaSkySport lo stesso ex difensore, ora allenatore del Guangzhou - il campionato doveva iniziare a marzo, poi è stato slittato. Secondo me si ripartirà da luglio". Manca ancora un po' di tempo dunque, meglio allora tornare con la mente indietro nei ricordi. A partire dall'esperienza di Madrid, dove arrivò dopo gli anni alla Juventus. Da campione del mondo e con il Pallone d'Oro in bacheca: "All'inizio ho avuto tre mesi difficili - ricorda - si trattava di un calcio del tutto diverso, individuale e non collettivo. Io ero abituato a giocare il pallone nello spazio, invece andava dato forte e addosso al compagno. Me lo fece presente Sergio Ramos, dato che perdevamo sempre il possesso con i miei passaggi". Fondamentale per la sua avventura in Spagna fu Fabio Capello, che lo aveva già avuto a Torino: "Un giorno ero al Bernabeu, si stava avvicinando il Natale. Non avevo ancora una casa, vivevo in albergo. Chiamai Capello e gli dissi che non ce la facevo più, chiedendogli di farmi riposare. Lui mi guardò e mi rispose in modo chiaro: 'Tu non hai capito - furono le sue parole - non ti tolgo'. Lì ho capito la sua qualità, lì ho conosciuto il vero Capello. Alla Juve aveva una squadra fortissima, tanto è che nella finale di Berlino fra Italia e Francia c'erano tanti giocatori bianconeri. In Spagna invece vincemmo la Liga rimontando sette punti nelle ultime giornate al Barcellona". 

"Lippi speciale"

Tanti gli allenatori avuti in carriera: "Ottavio Bianchi mi ha fatto esordire - ricorda Cannavaro - ma con Lippi ho condiviso momenti importanti. Mi ha fatto giocare con continuità a Napoli, dove davanti a me c'erano Nela, Corradini e Ferrara. Dopo tanti anni l'ho ritrovato al Mondiale e abbiamo vinto. Io e lui abbiamo un rapporto speciale". Dopo il trionfo in Germania arriverà anche il Pallone d'Oro: "Il suo merito è stato quello di costruire una squadra con un unico obiettivo, ovvero vincere il mondiale. Il suo sogno, ci disse, era quello di arrivare in finale contro il Brasile e vincere. Sbagliò solo l'avversario. Portò Totti, nonostante il ginocchio. Puntò su giocatori di squadre medio piccole come Grosso, diede fiducia a Materazzi. Quando sento che abbiamo vinto perché spinti da Calciopoli, mi girano. Noi eravamo i più forti e giocavamo meglio".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche