Guardia di Finanza, oscurati 5.500 siti illegali. Pesanti rischi per gli utenti

pirateria

Guardia di Finanza e Polizia di Stato hanno oscurato 5.500 siti illegali e canali pirata. Questo l'esito dell'inchiesta "Perfect Storm" condotta dalle forze dell'ordine a tutela del diritto d'autore in 19 paesi. Gli utenti rischiano fino a 3 anni di reclusione e 25.800 euro di multa

DE SIERVO: "TUTELARE CONTENUTI LEGALI"

Avevano creato una pay tv parallela, arrivando a guadagnare oltre dieci milioni all'anno ai danni dei gestori delle piattaforme legali. Tutto attraverso la cosiddetta Iptv, Internet Protocol Television, nuova frontiera dello streaming pirata, con un'organizzazione capace di aggirare i blocchi e le misure prese dai concessionari ufficiali. Al termine delle indagini, coordinate dalla Procura di Napoli e iniziate nel 2017, la Guardia di Finanza e la Polizia delle telecomunicazioni hanno oscurato piùdi 5.500 siti di live, server, piattaforme informatiche e canali Telegram che offrivano partite di calcio, film e altri contenuti. L' operazione, chiamata 'Perfect Storm' ha coinvolto 19 Paesi a partire dal 6 novembre.

Cosa rischiano gli utenti delle piattaforme illegali

"Noi abbiamo acquisito traccia - le parole del sostituto procuratore di Napoli Valeria Sico - di tutti gli indirizzi Ip di chi ha utilizzato il servizio utilizzando una linea fissa o una linea mobile. Nei prossimi mesi si valutera' come procedere nei confronti di queste persone. Parliamo di 5 milioni di utenti". Operazione illustrata anche dal  tenente colonnello della Guardia di Finanza, Gian Luca Berruti, nel corso di una conferenza stampa in streaming: "Con l'operazione The Perfect Storm per ora abbiamo colpito la 'cupola' dell'organizzazione che vendeva contenuti Iptv illegali e la rete dei re-sellers ma anche i clienti rischiano dai 6 mesi ai 3 anni di reclusione e una multa da 2.500 a 25.800 euro. Molte persone pensano solo alla convenienza economica e non credono di commettere alcunche' di male: in realta' il semplice possesso del device usato per ricevere il segnale, quello che in gergo viene definito 'pezzotto', costituisce un reato penale. E' uno dei motivi per cui, quando abbiamo oscurato i siti, abbiamo reindirizzato gli utenti ad una pagina che li avvertiva di che cosa vanno incontro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche