Hodge ha la maglia di Maradona del gol del secolo: "Non è in vendita"

AD10S DIEGO
©Getty

Steve Hodge, ex giocatore della Nazionale inglese, possiede la maglia con cui Maradona segnò il "gol del secolo" nei Mondiali di Messico ’86, proprio contro l’Inghilterra: "Ma non è in vendita, ho un legame affettivo incredibile con questa divisa"

MARADONA, IL PUNTO SULL'INCHIESTA

Il "gol del siglo" è sicuramente la rete più iconica della storia del calcio: Diego Armando Maradona che in 10 secondi percorre 60 metri di campo, dribblando 6 avversari (portiere compreso) e segnando l’impensabile. In totale 12 tocchi e 44 passi, era il 22 giugno 1986 e si giocava il quarto di finale del Mondiale in Messico tra Argentina e Inghilterra, match terminato 2-1 per i sudamericani. Il "gol del secolo" fu quello del momentaneo 2-0, realizzato solo pochi minuti dopo la famosa "mano de Dios" sempre di Maradona. La sua maglia di quella partita ha un valore storico incredibile, e a possederla è uno dei giocatori di quella Nazionale inglese sconfitta da Diego. Si tratta di Steve Hodge, uno dei giocatori dribblati da Maradona: "Mi ha dato la sua divisa nel tunnel dopo la partita, ma non è in vendita. Dicono che io voglia uno o due milioni, ma è tutto falso e lo trovo anche irrispettoso" ha dichiarato l’ex calciatore alla BBC.

Hodge: "Tanta ammirazione per Diego"

lo speciale

Maradona, una settimana di ricordi su Sky

Il cimelio si trova quindi in Inghilterra, esposto al National Football Museum di Manchester: "Nessuno mi disse niente allora, nemmeno ci pensavano. Io ho preso la maglia e me la sono messa in borsa. L’ho avuta per 34 anni e non ho mai provato a venderla. Ha un valore sentimentale enorme, nonostante sia legata a un episodio spiacevole. Nel 1986 Maradona ci ha fatto davvero male, e quella gara non sarà mai dimenticata". Tanto che davanti all’ingresso dello Stadio Azteca di Città del Messico, luogo del gol, ci sono oggi una corona di fiori e una gigantografia di Diego: "Lui era un giocatore fantastico, coraggioso, un leone. Mi chiedono perché non riuscii a corrergli dietro durante quel gol, la verità è che stavamo giocando già da un’ora e non ce l’ho fatta a riprenderlo. Non avevo più aria nei polmoni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche