Bundesliga, si ricomincia: quello che c'è da sapere sulla nuova stagione. VIDEO

Bundesliga

Niccolò Omini

Tutti a caccia del Bayern campione: dalle ambizioni del Borussia di Jadon Sancho al talento del Bayer di Haverz e Bailey, senza dimenticare il Lipsia di Nagelsmann e i tanti discepoli di Jurgen Klopp sparsi per la Germania. Con la favola dell'Union Berlino, alla prima partecipazione nella massima serie. È tornata la Bundesliga: Viel spass, buon divertimento!

La Bundesliga è in esclusiva su Sky Sport: Bayern Monaco-Hertha Berlino venerdì alle 20.30

BUNDESLIGA, IL CALENDARIO DELLA 1^ GIORNATA

BAYERN MONACO-HERTHA BERLINO LIVE

Hallo, die Bundesliga ist zuruck. Torna il calcio tedesco. Che uno pensa, nemmeno arrivando a giocarsi il campionato all'ultima giornata a maggio erano riusciti a evitare il double del Bayern, Lewandowski capocannoniere e le docce di birra. Occhio però, perchè a Dortmund si sono preparati: estate super con Brandt, Hazard, Hummels. La Supercoppa a inizio agosto stravinta contro i bavaresi. E quel mood fatto di entusiasmo e sorrisi. Che a Monaco hanno provato a replicare, risultato piuttosto kitch con Matthaeus in stile Baywatch. Vabbè. Kovac che riparte polemico come sempre: quando gli hanno chiesto se Perisic fosse una seconda scelta, lui ha risposto così: “Anche io per molti ero una seconda scelta”. Niko è rimasto. Come i dubbi su di lui. Occhio invece all'asse Moenchengladbach-Schalke, targato Klopp: Marco Rose aveva giocato con e per lui a Mainz. David Wagner, di Juergen, è stato il testimone di nozze. Che poi dici Gladbach e pensi a Marcus Thuram, il figlio di Lilian. Con il 10. A Leverkusen ci si diverte con Bailey e soprattutto Havertz. 20 anni e forse già il tedesco più forte in circolazione. Con le potenzialità del Lipsia l'enfant prodige Nagelsmann rischia di essere la copertina della stagione, esordio domenica però contro la storia di questa Bundesliga: l'Union Berlin. Prima volta in Bundesliga, eliminato lo Stoccarda allo spareggio. Arrivano da Koepernick, quartiere della ex Berlino Est. E anche quando c'era il muro hanno continuato a chiamarsi Union. Li chiamano il club degli alternativi e dei punk, sono molto di più. Il simbolo di una comunità che nel 2008 aveva aiutato, gratis, a ricostruire lo stadio. E nel 2014, durante il mondiale, lo avevano trasformato in un salotto dove portarsi il divano e vedere le partite. Imparete a conoscerli, come a scoprire il nuovo Lewandowski, leader e chioccia con i ragazzini. Torna la Bundesliga, viel spass. Buon divertimento.

 

I più letti