Coronavirus: lo stadio del Borussia Dortmund si trasforma in un ospedale

Bundesliga
Twitter @borussiadortmund

Il Signal Iduna Park riconvertito in un centro medico per l'accoglienza e la cura di pazienti affetti da Covid-19 e casi sospetti. La società del Borussia e i medici: "Luogo ideale per prestare assistenza"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Il Borussia Dortmund offre il suo stadio per la lotta al Coronavirus. Come spiegato dal club giallonero sui canali social, da sabato 4 aprile la tribuna Nord del Signal Iduna Park è a disposizione per valutare e curare i casi di pazienti con sospetta positività al Covid-19, con la possibilità di effettuare anche tamponi. La sezione sarà gestita dall'associazione dei medici di assicurazione sanitaria obbligatoria della Vestfalia (KVWL) e offrirà, si legge nella nota ufficiale diffusa dal club, "assistenza qualificata per i pazienti affetti da coronavirus e per i casi sospetti. Allo stesso tempo, contribuirà a spezzare le possibili catene di infezione perché si evitano i contatti con altri pazienti, dottori e personale di servizio negli studi medici". La tribuna nord sarà direttamente collegata con un centro diagnostico centrale, con test effettuati nella North Clinic, e sarà un centro di trattamento per valutare la gravità del virus e decidere se il paziente può continuare ad essere curato in regime ambulatoriale o ha bisogno di cure ospedaliere. 

"Stadio simbolo della città, restituiamo quanto avuto"

Quella dello stadio di Dortmund è una metamorfosi in piena regola, raccontata su Twitter dal club in un video. Inaugurato nel 1978, il Signal Iduna Park è il più grande di Germania e può ospitare fino a 81365 spettatori sugli spalti. "Il nostro stadio è un simbolo della città, un punto fisso per quasi tutti a Dortmund e l'area circostante - sottolinea Hans-Joachim Watzke, presidente del consiglio di amministrazione del Borussia - grazie alle sue condizioni infrastrutturali e spaziali, è il luogo ideale per aiutare attivamente le persone potenzialmente infette o infettate dal Coronavirus, che lamentano malattie respiratorie e febbre. Vogliamo restituire alla gente quello che ci ha dato negli anni". Un'idea promossa anche dal dottor Dirk Spelmeyer, primo presidente della KVWL: "L'idea era insolita all'inizio, ma in realtà al Signal Iduna Park abbiamo le condizioni ideali per lavorare - le sue parole - siamo molto contenti dell'offerta e dell'aiuto del Borussia". Da spazio per tifosi e calciatori ad area medica. 

Lo stadio del Borussia Dortmund - ©Getty
Lo stadio del Borussia messo a disposizione per la lotta al coronavirus
Un medico al lavoro nello stadio del Borussia Dortmund - Twitter @borussiadortmund
Il Signal Iduna Park - ©Getty

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche