Juve-Atletico Madrid, i precedenti dei bianconeri allo Stadium

Champions League

Allegri invita il pubblico a dare pieno sostegno alla squadra per tentare l'impresa. I bianconeri hanno perso solo tre partite in Champions allo Stadium, mentre un terzo delle volte hanno vinto con almeno due gol di scarto

JUVE-ATLETICO LIVE

GIOCA A SKY PREDICTOR!

VERSO JUVE-ATLETICO, TUTTE LE NEWS LIVE

"Il sostegno del pubblico sarà fondamentale per vincere la sfida". A richiederlo a gran voce è Max Allegri, preceduto dalle parole di Cristiano Ronaldo, che parla di "notte speciale", e seguito da quelle del capitano Chiellini, che si aspetta un ambiente elettrizzante. Le premesse per cercare l'impresa ci sono, ma decisivo sarà anche il ruolo dello Stadium, motore trainante di questa Juve negli ultimi quasi 8 anni ricchi di trofei. Lo stesso Stadium che venerdì scorso, contro l'Udinese, ha battezzato le 200 partite ufficiali in tutte le competizioni. E i numeri per i bianconeri sono da urlo. Il poker ai danni dei friulani, infatti, ha rappresentato la vittoria numero 159 dei 'padroni di casa' (media del 79.5%), con 32 pareggi e appena 9 sconfitte a completare il bilancio. Una lunga storia cominciata nel 2011 con un altro 4-1, quella volta rifilato al Parma, primo passo della rinascita. Dati che costituiscono un buon motivo per credere alla remontada, perché la fortezza della Juve risulta tuttora inespugnabile per tante squadre italiane ed europee e perché in questo stadio sono già cadute tante big, come Real Madrid, Barcellona e Manchester City.

Lo Stadium in Champions: 10 precedenti per crederci

Le statistiche allo Stadium sorridono ai bianconeri e tengono il passo anche in campo europeo. Quella contro i Colchoneros, infatti, sarà il match numero 33 in Champions League, il secondo contro i biancorossi di Madrid, già affrontati nella fase a gironi della stagione 2014-15. Allora terminò 0-0, un risultato che questa sera condannerebbe la Juve all'eliminazione. Per passare il turno, o quantomeno prolungare la sfida ai supplementari, ad Allegri servirà una vittoria con almeno due gol di scarto, un risultato che la capolista della Serie A ha centrato 11 volte nei 19 successi totali, una sola con il punteggio di 3-1 che, eventualmente, premierebbe i ragazzi di Simeone. L'ultima larga vittoria risale al 2 dicembre, quando Dybala ha travolto con una tripletta lo Young Boys. 3-0, lo stesso punteggio con la quale in passato sono state battute grandi squadre come Chelsea e Barcellona. Anche contro i blaugrana la Joya fu il protagonista e chissà che, di fronte a un'altra spagnola, il 10 della Juve non scriva un'altra notte indimenticabile. 

Sfatare il tabù 2-0

Ribaltare definitivamente l'Atletico nei 90 minuti è difficile, ma non impossibile. Serve una vittoria con almeno tre gol di scarto, precedente che allo Stadium in Champions si è visto quattro volte: Nordsjaelland, Chelsea, Barcellona e Young Boys. Sempre più dei tre ko incassati in totale, il primo dei quali arrivato contro il Bayern Monaco. Sono proprio i bavaresi a rappresentare il tabù che i bianconeri vogliono sfatare, quello delle rimonte. Quel 2-0 contro i tedeschi, infatti, arrivò dopo un'altra vittoria con lo stesso risultato maturato nella gara d'andata. Non proprio una novità, visto che le cinque volte che la Juve ha perso 2-0 la partita d'andata, poi è sempre stata eliminata. Una maledizione da rompere con l'aiuto del pubblico del Stadium, il 12° uomo in campo dei bianconeri.

I più letti