Juventus, Lippi: "Per vincere la Champions League servono senso di appartenenza e fortuna"

Champions League

L'ex allenatore bianconero è stato l'ultimo a vincere il trofeo con la Juventus: "Fu la prima grande soddisfazione internazionale, poi salimmo sul tetto del mondo perché quei ragazzi si misero a disposizione uno dell'altro. Alla Juve quest'anno è mancata la fortuna"

INTER-JUVE LIVE

JUVE, DIPENDENZA DA RONALDO IN CHAMPIONS. E CHIELLINI...

CHAMPIONS, QUATTRO ALLENATORI A CACCIA DELLA PRIMA VOLTA

La "sua" vittoria in Champions League datata 1996 è stata invocata spesso nell'ultimo mese: sia perché resta l'ultimo trionfo della Juventus nella competizione, sia perché arrivata in una finale contro l'Ajax, che degli uomini di Allegri è stato avversario e giustiziere. E Marcello Lippi - in un'intervista a Radio 2 - è tornato sull'argomento: "Quella fua la prima grande soddisfazione internazionale, arrivata dopo aver rivinto lo scudetto dopo 9 anni e la Coppa Italia. Poi trionfammo in Coppa dei Campioni e successivamente alzammo anche l'Intercontinentale. Cosa serve per vincere la Champions? Grandi giocatori e un grande senso di appartenenza, la voglia mi mettersi ognuno a disposizione degli altri. I miei ragazzi lo fecero, infatti salirono sul tetto del mondo". Poi l'ex Ct azzurro ha parlato anche dell'attualità: "Alla Juve quest'anno è mancata la fortuna di avere i giocatori importanti nel momento decisivo. Prendete Chiellini: è importante quasi quanto Ronaldo, ma con l'Ajax non c'era".

"L'Italia di Mancini mi piace"

Dalla Juve e la Champions all'altro grande affetto del Lippi allenatore: la Nazionale, che ha portato in trionfo nel 2006. "In Italia ci sono tanti giovani bravi, Mancini ha avuto coraggio: li ha chiamati, alcuni anche prima che esordissero in Serie A. Questa Italia mi piace, ci sono tanti ragazzi interessanti". Chiusura sull'esperienza in Cina, conclusasi qualche mese fa: "I cinesi sono un popolo curioso, ma si vive bene. A che punto sono con il calcio? C'è ancora da lavorare, manca la tradizione: i bambini giocano a ping pong, difficile vederne uno che gioca a calcio. Però stanno iniziando a creare i settori giovanili e a praticarlo nelle scuole, migliorando diversi aspetti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche