Ajax, amarezza Ten Hag: "Avremmo meritato la finale". De Ligt: "Ko senza spiegazioni"

Champions League

L'allenatore dell'Ajax dopo la clamorosa eliminazione per mano del Tottenham: "Nell’intervallo ho detto ai ragazzi di rimanere attenti, perché vedevo negli occhi dei giocatori del Tottenham che ci credevano ancora. Dura uscire così". De Ligt: "Sono senza parole"

RIMONTA TOTTENHAM SUL CAMPO DELL'AJAX, GOL E HIGHLIGHTS

POCHETTINO SI GODE LA RIMONTA: "SERATA DA SUPEREROI"

LUCAS, IL "NON TITOLARE" CHE HA STESO L'AJAX

TOTTENHAM-LIVERPOOL, GUIDA ALLA FINALE

L'Ajax era a Madrid fino a pochi secondi dal termine della sfida contro il Tottenham. Il 2-3 firmato Lucas Moura ha interrotto la splendida cavalcata di Tadic e compagni verso il Wanda Metropolitano. L'allenatore olandese Erik ten Hag commenta così il ko della Johann Cruyff Arena contro gli Spurs: "Eravamo a un passo dalla finale - le sue parole - ma dopo aver chiuso il primo tempo sul 2-0 avevo detto ai ragazzi di restare attenti, perché vedevo negli occhi dei giocatori del Tottenham che ci credevano ancora". Complimenti anche per gli avversari: "Hanno disputato una gran ripresa, ma anche noi abbiamo avuto le occasioni per segnare il terzo gol. Purtroppo non ce l’abbiamo fatta. Credo che meritassimo la finale, è dura uscire di scena così".

De Ligt: “Eliminazione incredibile, ora vinciamo il campionato”

Parla da capitano Matthijs de Ligt: "Sono senza parole, è stato tutto incredibile” la sua amarezza. Poi l'analisi del numero 4, che ha firmato l'1-0 sul Tottenham, si concentra sull'andamento della sfida: “E’ stata equilibrata, nel primo tempo abbiamo fatto un grande calcio, li abbiamo pressati e alti e tenuti lontani dalla nostra area. Nella ripresa ci hanno sorpreso. Il 2-2 sarebbe stato un bel risultato per noi, poi non so cosa dire, è incredibile. Dovevamo fare meglio nel finale”. Quando Lucas Moura ha trovato il gol decisivo: “Perdere così fa male. Sei tanto vicino alla finale, poi esci. Nessuno può capire come stiamo in questo momento”. Il difensore fissa però il nuovo obiettivo: “Ora dobbiamo lottare ancora in campionato, mancano due giornate e siamo primi alla pari con il PSV. Se saremo campioni d'Olanda sarà stata una buona stagione, altrimenti non sarà così buona. Abbiamo fatto bene in Champions, ma contano i trofei: ora dobbiamo vincere l'Eredivisie".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche