Inter, beffa Var: dal gol di Lukaku al rigore dello Slavia. VIDEO

Champions League

Episodio per fortuna alla fine ininfluente quello capitato verso la fine del primo tempo tra Slavia Praga e Inter: i nerazzurri trovano il gol del 2-0 con Lukaku su assist di Lautaro ma l'arbitro Marciniak viene richiamato al Var per giudicare un contatto tra De Vrij e Olayinka nell'area nerazzurra all'inizio dell'azione, che l'arbitro aveva comunque visto e valutato in campo. Rete annullata e rigore per i ceci, realizzato da Soucek

In Italia lo avevamo visto in uno Spal-Fiorentina del febbraio scorso: da gol di una squadra a rigore (e gol) per l'altra. Di mezzo, il Var e una procedura espressamente prevista dal protocollo: dal momento che un possibile rigore si può rivedere finché il gioco non si ferma e riprende, se il gioco stesso si ferma per un gol il tilt è possibile.

 

Succede al 36' di Slavia Praga-Inter, quando i nerazzurri passano incredibilmente dal 2-0 all'1-1: il portiere dello Slavia Kolar e il difensore Frydrych scambiano il pallone, ma Frydrych pasticcia, Lautaro si inserisce, ruba il pallone e lo serve a Lukaku per il comodo 2-0.

 

Gli interisti esultano ma nel frattempo l'arbitro polacco Marciniak viene richiamato dalla cabina Var per quanto accaduto poco prima, circa 30 secondi: sulla precedente azione dello Slavia infatti su un cross basso dalla destra c'è stato un contatto tra De Vrij e Olayinka non sanzionato dall'arbitro. In diretta non sembrava nulla di clamoroso ma in effetti al replay si vede il difensore dell'Inter che arriva in ritardo, viene anticipato e tocca l'avversario col ginocchio e poi col piede. Marciniak rivede e decide per il penalty: niente gol per l'Inter, rigore per lo Slavia e 1-1 di Soucek dal dischetto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.