Manchester City-Psg, Leonardo: "Rammarico per la sconfitta, ma siamo in continua crescita"

Champions League

Il direttore sportivo del Psg analizza i motivi della sconfitta: "Perdiamo contro una squadra che merita la finale, ma negli ultimi due anni siamo cresciuti molto. L'idea è quella di andare avanti con questa base, con grande ambizione". Dello stesso parere anche Verratti: "Non ci manca nulla per fare l'ultimo passo, i dettagli sono stati decisivi. Finale nervoso? Non mi piace quando l'arbitro mi manda a quel paese"

MANCHESTER CITY-PSG 2-0, GOL E HIGHLIGHTS

Il Paris Saint-Germain perde anche la gara di ritorno contro il Manchester City per 2-0 ed è eliminato dalla Champions League. Al termine della gara è intervenuto ai microfoni di Sky Sport il direttore sportivo del club francese, Leonardo: "Penso agli ultimi due anni in cui ci siamo giocati una finale alla pari con il Bayern Monaco e anche quest'anno abbiamo battuto Manchester United, Barcellona e il Bayern. Se analizziamo questa doppia sfida con il City, siamo stati superiori nei due primi tempi e siamo stati penalizzati da gol subiti un po' strani. Non vorrei parlare dell'assenza di Mbappè, però è successo anche questo in un momento decisivo. Perdiamo contro una squadra che merita di andare in finale, che da sei anni lavora con lo stesso gruppo". E adesso si guarda già al futuro: "Non è il momento di fare bilanci, ma pensiamo sempre a migliorare. Non dobbiamo per forza vincere la Champions, siamo già nella top 4 europea e l'idea è quella di andare avanti con questa base e su quello che stiamo costruendo. E' una squadra giovane, con una base solida che deve fare esperienze e ha ancora tanto da fare in carriera. La nostra parabola è in crescita e forse ci mancano ancora quei piccoli dettagli che ti permettono di vincere la Champions. Pochettino è arrivato a gennaio, sta impostando un lavoro e penso che abbiamo creato un gruppo molto solido, con idee condivise e giocatori coinvolti nel progetto. Abbiamo grande ambizione, c'è rammarico per la sconfitta ma usciamo con la sensazione delle cose importanti che stiamo facendo".

Rabbia Verratti: "L'arbitro mi ha mandato a quel paese"

leggi anche

Guardiola: "Traguardo che ricorderemo per sempre"

Oltre alle delusione per l'eliminazione, Marco Verratti ha spiegato ai microfoni di Sky Sport i motivi di un finale di gara decisamente nervoso: "Mi da fastidio quando l'arbitro mi manda a quel paese. Noi parliamo con rispetto e in risposta ci sentiamo mandare a quel paese 3-4 volte. Non mi è piaciuta la gestione dei cartellini, ma non è colpa di nessuno, è stata una semifinale dura". Il centrocampista del Psg si è poi soffermato sulle motivazioni che possono aver portato a questa doppia sconfitta: "Quando sei è un passo dalla finale pensi ad arrivare fino in fondo, c'è molta delusione questa sera. Quello che possiamo fare è guardarci negli occhi e capire che ce la siamo giocata fino alla fine. Penso che non ci manchi niente per fare l'ultimo passo, quando giochi contro grandi squadre non c'è tanta differenza e dei piccoli episodi fanno la differenza tra la vittoria e la sconfitta. All'andata abbiamo preso due gol stupidi, siamo arrivati anche quest'anno tra le prime quattro e siamo sulla buona strada. Stiamo crescendo, l'allenatore è arrivato solo da cinque mesi e ci ha dato già una grande mano, possiamo solo migliorare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche