Spalletti dopo Inter-Lazio: "Noi poco lucidi. Perisic? Parlarne ha creato tensione"

Coppa Italia

L'allenatore nerazzurro dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia: "Gara equilibrata, ma alla fine abbiamo avuto troppa frenesia. Rigore? Ce n'era anche uno prima su Icardi. Nainggolan deve recuperare, Perisic giocherà di nuovo quando avrà la testa giusta"

INTER-LAZIO 4-5 dcr: BIANCOCELESTI AVANTI AI RIGORI

COPPA ITALIA: IL TABELLONE DELLE SEMIFINALI

SERIE A, 22^ GIORNATA: LE PROBABILI FORMAZIONI

Cade ai rigori l'Inter, che esce ai quarti di finale di Coppa Italia. Sotto di un gol dopo il vantaggio della Lazio con Immobile, i nerazzurri erano riusciti a rimontare all'ultimo respiro con il pareggio di Mauro Icardi. Ai rigori, però, vincono i biancocelesti. Questo il commento di Luciano Spalletti: "All'inizio siamo stati un po' impacciati, poi nel corso della partita siamo stati in equilibrio fino all'ultimo – ha dichiarato l'allenatore nerazzurro - Alla fine ci siamo fatti prendere dalla frenesia, contro la Lazio questo non funziona. Ci è mancata lucidità nel girare palla, poi loro si schierano bene e non gli fai mai male. Abbiamo avuto sia noi che loro delle buone occasioni, mi è sembrava una partita in equilibrio totale. Il rigore? Ce n'era anche uno prima sulla spinta su Icardi".

"Nainggolan deve recuperare. Perisic..."

Fuori dalla Coppa Italia, l'Inter deve ora pensare a difendere il terzo posto in campionato e all'Europa League. E Spalletti conta di ritrovare calciatori importanti: "Nainggolan deve recuperare, ha avuto una serie di infortuni e non si è allenato con continuità. Deve recuperare minutaggio. Per quanto riguarda Perisic, una volta chiuso il mercato, bisogna ritrovare gli obblighi che un calciatore ha. Poi non so se è stato giusto parlare di queste offerte che ha avuto, ma sono dinamiche di mercato e il calciatore ha detto che era disposto. Poi alla fine non se n'è fatto più niente, però il fatto che se ne sia parlato ha creato tutto questo. Quando ci sarà nuovamente con la testa, lo faremo rigiocare".

I più letti