Pioli prima di Milan-Torino di Coppa Italia: "Stiamo bene mentalmente e fisicamente"

Coppa Italia

Stefano Pioli è determinato alla vigilia della sfida contro il Torino valida per i quarti di finale di Coppa Italia: "Affronteremo una squadra che ha voglia di riscatto, ma noi stiamo bene sia mentalmente che fisicamente". Dall'allenatore rossonero un pensiero per Kobe Bryant: "È stato un'icona, l'ho ammirato tantissimo"

MILAN-TORINO LIVE

Quattro vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia, adesso la sfida contro il Torino con in palio l’approdo alle semifinali di Coppa Italia: momento positivo quello vissuto dal Milan, che adesso però vuole allungare la striscia di risultati positivi. Ad analizzare il momento dei rossoneri è Stefano Pioli che ha parlato così alla vigilia del match di San Siro che vedrà il suo Milan affrontare il Torino (martedì ore 20.45): "La squadra sta bene. Mentalmente, perché le vittorie aiutano a trovare fiducia e più convinzione nei propri mezzi, e anche fisicamente, anche se arriviamo da un periodo dove abbiamo giocato incontri ravvicinati, settimane corte, dovrò valutare bene chi ha recuperato e chi no per cercare di schierare una squadra competitiva domani sera", le parole dell’allenatore del Milan. Pioli che non si fida del Torino, reduce dalla clamorosa sconfitta per 7-0 contro l’Atalanta nell’ultima gara di campionato: "Arriverà un Torino che vorrà dimostrare invece di essere una buona squadra, come effettivamente è. Ha avuto una sconfitta pesante ma un passo falso può capitare a chiunque, avranno grande determinazione e spirito di rivalsa. Ma le stesse motivazioni dobbiamo averle anche noi perché vogliamo far di tutto per far proseguire il nostro momento positivo", ha ammesso l’allenatore rossonero.

Il pensiero per Kobe

Pioli ha parlato anche della tragica scomparsa di Kobe Bryant: "Una tragedia che mi ha particolarmente colpito, Kobe non è stato solo uno dei più grandi giocatori di basket di sempre, ma un’icona. Da grande appassionato di basket l’ho ammirato tantissimo", ha concluso Pioli.

I più letti