Milan-Torino, Ibrahimovic abbraccia Boban a fine partita: "Non me ne sono mai andato"

Coppa Italia

Chiacchierata e abbraccio intenso tra Boban e Ibrahimovic dopo la qualificazione alle semifinali di Coppa Italia. In un mese Zlatan ha cambiato il Milan dal punto di vista tecnico e mentale: squadra imbattuta a gennaio e passata in campionato dall'undicesimo al sesto posto. Lo svedese esalta il suo amore per il club rossonero su Twitter: "Non me sono mai andato"

Passaggio alle semifinali di Coppa Italia e zona Europa ritrovata in campionato. È un gennaio positivo quello che il Milan ha vissuto, nel segno di Zlatan Ibrahimovic. Nella partita giocata a San Siro contro il Torino per i quarti di finale di Coppa Italia, l'attaccante svedese ha fatto il suo ingresso in campo al 65', sul punteggio di 1-1, al posto di Piatek e ha messo la firma sulla vittoria rossonera con il gol del 4-2 nei tempi supplementari, la sua prima rete a San Siro dal ritorno in rossonero. A celebrare il successo del Milan e il passaggio del turno c'è stata una bella chiacchierata tra Zvonimir Boban, Chief Football Officer del Milan, e Ibra nella mixed zone di San Siro. I due si abbracciano e poi si intrattengono sorridenti per alcuni minuti. Sintomo della serenità portata in squadra dai recenti risultati e dell'effetto Ibra, in grado in un mese di incidere profondamente sul piano tecnico e morale sul Milan.

Come Ibra ha cambiato il Milan

La vittoria sul Torino è infatti arrivata praticamente a un mese dal ritorno ufficiale di Ibrahimovic al Milan, comunicato dal club rossonero lo scorso 27 dicembre. Il centravanti svedese ha cambiato i rossoneri non solo in campo, con Pioli che ha optato per il passaggio al 4-4-2 con il rilancio di alcuni profili scomparsi dai radar come Castillejo, Rebic e Leao e l'accantonamento di profili come Suso, Piatek e Paquetá. In cinque partite ufficiali tra campionato e Coppa Italia, Ibra ha messo insieme tre presenze da titolare e due da subentrante (all'esordio contro la Sampdoria e appunto contro il Torino) realizzando due reti, a Cagliari e in Coppa. In un mese il Milan è salito dall'undicesimo posto al sesto in Serie A, a 31 punti alla pari con Cagliari e Parma, ed è tornato in zona Europa League scavalcando Torino, Bologna e Napoli. Un'ascesa figlia di tre vittorie e un pareggio, con il Milan ancora imbattuto dal momento del ritorno di Ibrahimovic in squadra.

"Non me ne sono mai andato"

A esaltare il legame con i colori rossoneri e con il mondo Milan è stato lo stesso Ibrahimovic nelle ore successive alla vittoria sul Torino: lo svedese ha postato su Twitter la sua foto con esultanza a braccia aperte e sguardo fisso verso la curva di San Siro dopo il gol del 4-2 contro i granata. Uno scatto accompagnato da una didascalia che parla da sola: "I never left @acmilan", che tradotta in italiano suona come "Non ho mai lasciato il Milan" oppure "Non me ne sono mai andato". Dopo otto anni di separazione, in effetti, è come se il legame tra Ibra e i colori rossoneri non sia mai passato di moda. Nello spogliatoio con Zlatan si respira un'aria nuova.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche