Juve-Milan, Pioli: "Le vicende societarie non ci devono condizionare. Finale? Si può"

Coppa Italia

L'allenatore rossonero alla vigilia della gara con la Juve: "Non dobbiamo rimpiangere le assenze, dobbiamo concentrarci sulle nostre qualità e sul fatto di essere squadra. Abbiamo i mezzi per prenderci la finale, bisognerà avere convinzione ed equilibrio". Nessun condizionamento dalla situazione societaria. "Restiamo concentrati, certe cose non possiamo determinarle"

Dopo il rinvio di Milan-Genoa per l'emergenza coronavirus, i rossoneri sono pronti a tornare in campo per il ritorno della semifinale di Coppa Italia. Si va in casa della Juventus senza gli squalificati Ibrahimovic, Castillejo e Theo Hernandez e senza l'infortunato Donnarumma, assenze pesanti che però non devono spaventare la squadra come sottolineato da Stefano Pioli: "Non dobbiamo rimpiangere gli assenti ma concentrarci sulle nostre caratteristiche e sulle nostre qualità e sul fatto di essere sempre squadra", le parole dell'allenatore a Rai Sport.

"Convinzione ed equilibrio, abbiamo i mezzi per prenderci la finale"

Si riparte dall'1-1 dell'andata, raggiunto nel finale a San Siro dai bianconeri con un rigore di Cristiano Ronaldo: "Il risultato dà sicuramente un piccolo vantaggio ai nostri avversari, ma abbiamo dimostrato di potercela giocare alla pari. Dobbiamo assolutamente prepararci a questa partita con questa mentalità, con la convinzione di avere le qualità e i mezzi per mettere in difficoltà la Juventus e arrivare in finale"”. Anche in campionato i rossoneri avevano giocato bene a Torino uscendo però sconfitti dallo Stadium, la speranza è ora quella di ottenere anche un risultato positivo: "A livello di prestazioni non siamo stati inferiori, ma in partite così equilibrate i particolari e i dettagli fanno la differenza. Contro avversari di questa qualità, se molli un attimo la presa la paghi a caro prezzo".

Sulla situazione societaria

Pioli ha commentato anche la situazione societaria, con Zvonimir Boban pronto all'addio dopo la rottura con Gazidis e Paolo Maldini che potrebbe decidere di seguire l'ex compagno di squadra. "Saranno queste ultime 13 partite di campionato e la Coppa Italia che determineranno il nostro lavoro - conclude Pioli -. Non facciamoci distrarre da altre situazioni. Noi possiamo incidere solo sulle nostre prestazioni. In ogni caso a Milanello sto vedendo un ambiente molto compatto". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche