02 novembre 2017

Lazio-Nizza 1-0: decide l'autogol di Le Marchand. I biancocelesti vincono il girone e si qualificano. Gol e highlights

print-icon

Partita con poche occasioni all'Olimpico, ma un autogol di Le Marchand nei minuti di recupero del secondo tempo regala i 3 punti alla squadra di Inzaghi, che si qualifica per i sedicesimi di finale ed è aritmeticamente prima nel girone

CLICCA QUI PER RIVIVERE LAZIO-NIZZA

LAZIO-NIZZA 1-0

92' aut. Le Marchand

Il tabellino

Lazio (3-5-1-1): Strakosha; Patric, De Vrij, Luiz Felipe; Marusic, Murgia, Leiva, Luis Alberto, Lukaku; Nani; Caicedo

Nizza (4-2-3-1): Benitez; Souquet, Dante, Le Marchand, Jallet; Koziello, Mendy; Lees-Melou, Sneijder, Walter; Plea

No Immobile, sì party. Per la prima volta in stagione l’attaccante della Nazionale non scende in campo in una partita della Lazio, ma un autogol di Le Marchand nel recupero del secondo tempo regala il successo e il girone alla squadra di Inzaghi: la Lazio si qualifica per i sedicesimi di finale di Europa League con due giornate di anticipo e conquista aritmeticamente il primo posto del girone. Quella dell’Olimpico non è una partita esaltante: poche occasioni per entrambe le squadre e tanta lotta (per la prima volta in stagione i biancocelesti hanno chiuso la partita senza nemmeno un tiro in porta e nonostante questo sono riusciti a vincere). Inzaghi lancia dal primo minuto la coppia Nani-Caicedo con Luis Alberto che arretra sulla linea dei centrocampisti, un primo tentativo di far convivere i giocatori di maggior talento della rosa in vista del ritorno dall’infortunio di Felipe Anderson. L’avversario non è di quelli imbattibili: il Nizza è al terzultimo posto nella Ligue 1 e arriva da 5 sconfitte consecutive, inoltre Favre decide di schierare una formazione più coperta e lascia Balotelli in panchina. In campo l’atteggiamento difensivo dei francesi si nota e la Lazio fatica molto a creare occasioni pericolose, anche se allo stesso tempo soffre pochissimo in difesa. Le emozioni aumentano leggermente, soprattutto con l’ingresso di Milinkovic-Savic al posto di Nani, che riporta più vicino alla punta e alla porta Luis Alberto. Ma a fare la differenza è una sfortunata deviazione del difensore Le Marchand su colpo di testa di Parolo nei minuti di recupero: finisce 1-0 e la Lazio allunga la sua striscia di vittorie tra campionato e coppe a 9 consecutive. La squadra di Inzaghi è l’unica a punteggio pieno in tutta l’Europa League.

Il primo tempo

La Lazio prova subito a fare la partita, ma non riesce a creare pericoli importanti. L'unica vera occasione nel primo tempo è un tiro di Marusic, che dopo una sfortunata deviazione di Le Marchand stava per battere Benitez. Gli uomini id Inzaghi soffrono tantissimo l’assenza di Immobile e senza il centravanti l’uomo più attivo è Lukaku, che scende spesso alla sinistra e prova molti cross (saranno 7 al termine della partita). Il Nizza si difende senza eccessi e prova a passare in avanti dalla coppia Sneijder-Plea, tuttavia Strakosha chiude il primo tempo senza correre nemmeno un rischio.

Poche emozioni, il gol arriva nel finale

Nella ripresa il ritmo rimane molto basso, così Inzaghi prova a scuotere la squadra con un doppio cambio al 59’: entrano Lulic e Milinkovic-Savic al posto di Murgia e Nani. Il Nizza non riesce mai ad avvicinarsi all’area dei biancocelesti e Sneijder allora decide di provarci da 40 metri con un tiro che costringe Strakosha alla prima parata della partita. Al 73' arriva l’ultimo cambio di Inzaghi, che inserisce Parolo al posto di uno stanchissimo Lukaku (il migliore in campo della gara), mentre Favre decide di giocarsi la carta Balotelli al 79’ sperando che il centravanti italiano possa creare qualcosa negli ultimi 10 minuti. Non è così e la sfida sembra avviata verso un giusto 0-0. Ma un calcio d’angolo al 92’ regala la vittoria ai biancocelesti: Parolo devia di testa il corner, Le Marchand colpisce in modo sfortunato il pallone, che beffa Benitez per il definitivo 1-0.

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

Olimpiadi LIVE: Goggia, oro storico in discesa

Ranieri: "Nazionale? Se mi chiamano ci sono"

Conte: "Servirà impresa. Italia? Tutto possibile"

Mou: "Montella? E' italiano... sa difendere bene"

Sudafrica, torello irriverente: avversari umiliati

Il piccolo Misha e la domanda a Di Francesco

Sarri vuole fumare? Il Lipsia gli crea una stanza

De Vrij saluta: "Lazio, dispiace andare via così"

Youth League, Inter fuori con il Manchester City

Tonucci: "Cannavaro il mio punto di riferimento"

Totti-Monchi, risate e tweet al freddo di Kharkiv

I PIU' VISTI DI OGGI
I PIU' VISTI DI OGGI