Chelsea-Arsenal, Mkhitaryan salterà la finale di Europa League per motivi politici

Europa League

La tensione politica tra Armenia e Azerbaijan, stato in cui si giocherà la prossima finale di Europa League, costringerà l'Arsenal a rinunciare a Mkhitaryan, che non partirà con la squadra per Baku. Ad annunciarlo i Gunners in un comunicato ufficiale

CHELSEA-ARSENAL LIVE

I timori della vigilia sono stati confermati: Henrikh Mkhitaryan non viaggerà con l’Arsenal verso Baku, città nella quale si giocherà la finale di Europa League tra i Gunners e il Chelsea. Le tensioni politiche tra l'Armenia, stato nel quale il giocatore è nato, e l'Azerbaijan, del quale Baku è la capitale, hanno costretto il club londinese ad abbandonare le speranze di poter convocare il centrocampista, che dunque non si recherà nella città azera. A comunicarlo è stato lo stesso Arsenal, che con delusione ha commentato la vicenda: “Abbiamo scandagliato a fondo tutte le opzioni possibili affinché Mkhitaryan potesse far parte della squadra - si legge nella nota ufficiale - ma, dopo aver discusso di questo con il giocatore e con la sua famiglia, abbiamo concordato di comune accordo che Heinrikh non farà parte della nostra spedizione a Baku. Abbiamo scritto alla Uefa esprimendo le nostre preoccupazioni riguardo a questa vicenda: Mkhitaryan è stato un giocatore chiave per il raggiungimento della finale ed è per noi una grande perdita. Siamo anche molto delusi per il fatto che un giocatore possa perdere una grande finale europea, evento che accade raramente all’interno di una carriera, a causa di situazioni come questa”.

Armenia-Azerbaijan, i motivi del conflito

Non è la prima volta che Mkhitaryan si trova a doversi confrontare con una situazione simile. Il centrocampista, infatti, già nel 2015, quando indossava la maglia Borussia Dortmund, aveva dovuto rinunciare alla trasferta contro il Qabala. Lo stesso era successo nella fase a gironi di questa Europa League: l'Arsenal aveva pescato gli azeri del Qarabag e il classe 1989 era rimasto a Londra. I motivi della sua assenza sono politici, riconducibili, come detto, alle tensioni tra Armenia e Azerbaijan. I due stati sono infatti in conflitto tra loro per il controllo della regione del Nagorno-Karabakh, la quale, pur appartenendo al territorio azero, a seguito di una disputa nel 1991 si è dichiarata indipendente. La contesa conta decenni di morti e di dolore alle sue spalle.   

La delusione di Mkhitaryan

Lo stesso centrocampista armeno non ha potuto far altro che esprimere tutta la sua delusione per la situazione. Mkhitaryan ha dimostrato il suo rammarico con un post apparso sul proprio profilo Instagram, nel quale ha spiegato le motivazioni che hanno spinto lui e l'Arsenal a propendere per la decisione: "Dopo aver preso in considerazione tutte le opzioni del caso - ha scirtto il giocatore -, abbiamo dovuto prendere la decisione difficile per me di non viaggiare con la squadra per la finale di Europa League. Non capita spesso a noi calciatori di giocare partite di questo genere e non poter scendere in campo mi fa molto male. Farò il tifo per i miei compagni di squadra! Portiamo a casa il trofeo!".

La posizione dell'Azerbaigian

Dopo l'annuncio da parte dell'Arsenal, le autorità dell'Azerbaigian hanno voluto rassicurare il club inglese e lo stesso giocatore. A farsi foriero del messaggio è stato il portavoce del ministero degli esteri azero, Leyla Abdullayeva: "Mkhitaryan può giocare la finale di Europa League a Baku - ha chiarito - nonostante i rapporti difficili tra l'Azerbaigian e l'Armenia. Già molti eventi sportivi importanti sono stati ospitati dal nostro Paese e gli atleti armeni vi hanno sempre preso parte. Non bisogna confondere sport e politica, devono restare separati". Le parole del portavoce del ministero degli esteri si aggiungono a quelle del segretario generale della federcalcio dell'Azerbaigian, Elkhan Mamedov, il quale nelle scorse settimane aveva spiegato come la situazione fosse sotto controllo: "Le autorità azere hanno fornito all'Uefa le garanzie di sicurezza per Mkhitaryan. Il giocatore non avrebbe alcun problema di sicurezza in Azerbaigian".

Tifosi furiosi: "Boicottiamo la finale"

La decisione dell'Arsenal, costretto a rinunciare a un giocatore importante come Mkhitaryan, non è stata presa di buon grado dai tifosi dei Gunners, che hanno protestato in maniera furiosa proponendo addirittura di boicottare la finale di Europa League: "Boicottare la finale di Europa League mi renderebbe orogioso del mio club più di un'eventuale vittoria". Altri, invece, chiedono uno spostamento della sede della finale: "Se Mkhitaryan non potrà giocare, la soluzione è semplice. La partita deve essere spostata in un altro Paese. Se la Uefa insiste per giocare lì, bisognerà boicottare il match". Tanti messaggi di questo tono sono apparsi sul web, infine c'è stato anche chi ha voluto scherzare: "Se l'Arsenal non potrà avere Mkhitaryan per la finale di Baku - ha scritto un tifoso -, l'unica soluzione è che il Chelsea lasci a casa un suo giocatore. Io nomino Eden Hazard".

I più letti