Europa League, durante Sparta Praga-Rangers buu razzisti a Kamara dai bambini. VIDEO

Europa League

Bruttissimo episodio a Praga, in Sparta-Rangers. Gli ululati e gli insulti di cui è stato fatto oggetto Glen Kamara, centrocampista originario della Sierra Leone e di nazionalità finlandese, provenivano infatti dal settore in cui si trovavano 10mila bambini e adolescenti (età massima 14 anni) ammessi alla partita al posto dei tifosi abituali: lo stadio era infatti chiuso al pubblico per i precedenti episodi di discriminazione verso Tchouameni

L'Uefa non si è ancora espressa al riguardo ma il caso farà scalpore anche a Nyon: gli insulti indirizzati a Glen Kamara a Praga, dove il giocatore dei Glasgow Rangers è stato preso di mira con ululati e versi fin dalle prime battute di gioco, e praticamente a ogni suo tocco di palla, tornano a far parlare di razzismo nel calcio. Quando è stato espulso la sua uscita dal campo è stata accompagnata da applausi scroscianti. Lo stesso giocatore era stato 'bersagliato' da insulti razzisti a Praga quando con i Rangers, nella scorsa stagione, aveva affrontato lo Slavia, e per questo un giocatore della formazione ceca, Ondrej Kudela, era stato squalificato per 10 giornate. "Non sono sorpreso, abbiamo giocato a porte apparentemente chiuse per una ragione. Non è la prima volta che succedono queste cose qui, ma non è stato fatto abbastanza", il commento di uno sconfortato Steven Gerrard, tecnico dei Glasgow Rangers. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche