Malore Eriksen, Kjaer il primo a soccorrerlo. Poi il sostegno alla compagna in lacrime

Europei
©Getty

Il capitano della Danimarca ha avuto un ruolo fondamentale nei soccorsi a Eriksen e nella gestione di minuti di angoscia. Ha messo il compagno su un lato per favorire le operazioni di soccorso, poi ha calmato la squadra e fatto scudo con i suoi compagni per proteggere il centrocampista dalle telecamere. Commovente l'abbraccio alla compagna del giocatore per consolarla

ERIKSEN, DECISO L'IMPIANTO DI UN DEFIBRILLATORE SOTTOCUTANEO

Simon Kjaer ha avuto un ruolo fondamentale nei complicati minuti in cui Christian Eriksen era a terra privo di sensi. Il capitano della Danimarca è stato il primo a capire la gravità del malore accusato dal suo compagno di squadra al 43' del primo tempo della sfida contro la Finlandia di Euro 2020. Il difensore del Milan, infatti, è subito scattato verso il centrocampista dell'Inter, lo ha stabilizzato sulla schiena e ne ha evitato così il soffocamento, supportato dal portiere Peter Schmeichel. Pochi istanti dopo i medici sono intervenuti su Eriksen, praticando il massaggio cardiaco e rianimando il 29enne di Middelfart. 

Lo "scudo" con i compagni, il sostegno alla compagna di Eriksen 

vedi anche

Lukaku e Hakimi, gol con dedica a Eriksen

Kjaer è stato lucido anche nel chiedere ai compagni di squadra di fare scudo attorno a Eriksen durante i soccorsi, facendo poi prendere dei teli e anche una bandiera per coprire il compagno ed evitare che qualcuno potesse fotografarlo.  Da capitano vero e grande amico di Eriksen, ha cercato anche di consolare con parole rassicuranti Sabrina Kvist Jensen, compagna di Chris, che era entrata sul terreno di gioco in lacrime per le condizioni di suo marito. Un'immagine commovente di un pomeriggio drammatico come quello del Parken Stadium, concluso con Eriksen trasportato in ospedale per accertamenti dopo aver ripreso conoscenza.

Sostituito perché "troppo scosso"

La partita tra Danimarca e Finlandia è ripresa alle 20:30 (ora italiana) in accordo tra le due Federazioni e un portavoce della nazionale danese ha aggiunto che sarebbe stato lo stesso Eriksen a chiedere ai compagni di scendere in campo. Kjaer è rimasto in campo fino al 18' del secondo tempo, lasciando poi il posto a Vestergaard. Il Ct danese Kasper Hjulmand ha spiegato che ha sostituito il difensore del Milan perché ancora "troppo scosso da quanto accaduto. Simon - ha aggiunto - ci ha provato a scendere in campo ma dopo alcuni minuti non ce l’ha fatta a continuare".

Kjaer al momento dell'uscita dal campo - ©Getty

Barella: "Simon uomo vero. Oltre i colori"

I meriti di Kjaer sono stati esaltati anche dal centrocampista dell'Inter nonché "cugino-rivale" Nicolò Barella, con una storia su Instagram: "Complimenti Simon, capitano e uomo vero. Oltre i colori", le parole del giocatore sardo, impegnato agli Europei con la Nazionale di Roberto Mancini.

I complimenti di Barella a Kjaer su Instagram

"Christian Eriksen", il coro congiunto dei tifosi

L’arresto cardiaco di Eriksen durante la partita degli Europei ha colpito profondamente i tifosi del Parken Stadium. Il pubblico è rimasto per diversi minuti in assoluto silenzio. Appena sono arrivati segnali sulla ripresa del centrocampista, i supporter sugli spalti hanno voluto far sentire la propria vicinanza a Eriksen. Anche i finlandesi hanno iniziato a intonare "Christian", e i danesi, dall’altra parte, hanno risposto con "Eriksen".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche