Eriksen, il malore durante Danimarca-Finlandia raccontato dall'arbitro Taylor

Europei

Anthony Taylor, l'arbitro di Danimarca-Finlandia, racconta alla BBC Sport il malore di Eriksen: "Ero a dieci metri di distanza, ho capito subito che qualcosa non andava.  I veri eroi sono stati i medici e Kjaer, è stato poi Eriksen a dire ai compagni di finire la partita"

Un dramma vissuto da vicino e che ancora oggi, nonostante per fortuna il peggio sia stato scongiurato, turba e non poco l’arbitro Taylor, direttore di gara del match tra Danimarca e Finlandia a Euro 2020. La partita in cui Christian Eriksen ha avuto un arresto cardiaco in campo. "Quanto successo ti fa capire quanto possa essere preziosa la vita. Ero a dieci metri di distanza, guardandolo direttamente. Non c'era nessuno vicino a lui. Ho potuto vedere chiaramente che c'era qualcosa che seriamente non andava", ha raccontato proprio l’arbitro alla BBC Sport, ripercorrendo pubblicamente per la prima volta quei terribili minuti. "I veri eroi sono i medici che hanno fatto le compressioni e Simon Kjaer che l'ha iniziata. Il mio ruolo lì è leggermente cambiato, tu diventi centrale nella gestione delle crisi. L'unica cosa che ho fatto è stata chiamare i dottori", ha proseguito Taylor.

"È stato Eriksen a dire ai compagni di finire la partita"

leggi anche

Eriksen è a Milano: attesa per le visite mediche

L’arbitro inglese è poi tornato sulla decisione di far riprendere la gara, dopo la lunga interruzione per prestare tutte le cure del caso al centrocampista dell’Inter. "È stata una decisione discussa e presa in pieno accordo con entrambi i gruppi di giocatori e le federazioni. I giocatori avevano parlato con Christian su FaceTime e gli aveva effettivamente detto di finire la partita. È stata sicuramente la situazione più impegnativa della mia carriera, ma serve a sottolineare l'importanza di gestire le persone e le emozioni". Taylor ha poi aggiunto: "La gente pensa che gli arbitri non abbiano cuore e siano lì solo per rovinare i pomeriggi, ma la linea di fondo qui è capire come le persone si sentono e reagiscono. Si tratta di gestire le persone e le emozioni piuttosto che una decisione di una frazione di secondo. La mia preoccupazione era per i giocatori e la squadra".

"Un mio collega ha avuto un arresto cardiaco nello spogliatoio"

vedi anche

Hjulmand e il braccialetto per Eriksen. L'ANEDDOTO

Taylor che in carriera ha già vissuto da vicino un caso simile a quello accaduto a Eriksen: "Ho visto qualcuno subire un arresto cardiaco improvviso prima, quando arbitravo Burnley-Newcastle. Uno dei miei colleghi, Eddie Wolstenholme, ha avuto un arresto cardiaco nello spogliatoio. Ricordo benissimo poco prima che riportassimo le squadre all'interno che un addetto alla sicurezza è venuto da me chiedendo il permesso di far entrare sua moglie in campo. Io ovviamente ho detto che andava bene", ha concluso l'arbitro inglese.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche