Barcellona-Atletico Madrid 1-0, Leo Messi chiude la Liga: gol e highlights

Liga

Una punizione, la terza consecutiva, dell'argentino decide il big match del Camp Nou. Con questi tre punti il Barcellona vola a +8 sui Colchoneros e mette il sigillo sul campionato. Prima dell'inizio del match c'è stato un commovente minuto di silenzio per la scomparsa di Quini, ex attaccante del Barça, e Davide Astori

CLICCA QUI PER LA CRONACA DI BARCELLONA ATLETICO MADRID

CLICCA QUI PER RISULTATI E CLASSIFICA DI LIGA

BARCELLONA-ATLETICO MADRID 1-0

26' Messi

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Sergi Roberto, Piqué, Umtiti, Jordi Alba; Rakitic, Busquets, Iniesta (35' André Gomes); Coutinho (84' Paulinho), Suarez, Messi.

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Vrsaljiko (59' Correa), Gimenez, Godin, Filipe Luis (74' Lucas Hernandez); Saul, Thomas, Gabi (66' Gameiro), Koke; Diego Costa, Griezmann.

Sempre nel segno di Leo Messi. L’argentino firma il gol partita nello scontro diretto contro l’Atletico Madrid e consegna virtualmente la Liga nelle mani del Barcellona, aumentando il distacco dai Colchoneros a 8 punti. La Pulce crea, dribbla, salta avversari come birilli e soprattutto segna. Lo fa con quella che per lui è diventata la via più semplice per andare in rete: il calcio di punizione. Il quinto gol stagionale da calcio piazzato, il terzo consecutivo e con un tipo di conclusione diversa dall’altra. In campionato invece sono 24 i centri, più di chiunque altro. Messi, nonostante i cinque Pallone d’oro vinti e tutti gli altri trofei messi in bacheca, continua a sorprendere in maniera eccezionale, riuscendo a migliorare ogni giorno quei pochissimi difetti che gli appartengono. E insieme a lui gode tutto il Barça che mantiene l’imbattibilità stagionale, unica squadra nei principali campionati europei, e anche Valverde, al primo successo contro Simeone al 13° tentativo. Per il Cholo invece continua la maledizione del Camp Nou, dove non ha mai vinto da allenatore dell’Atletico. I biancorossi interrompono una striscia vincente che in Liga durava da sei giornate e mettono probabilmente la parola fine sulle speranze di vincere il titolo. 

Primo tempo

La gara prende il via con il solenne e commovente minuto di silenzio in onore alla memoria di Quini, ex attaccante del Barcellona (5 volte Pichichi della Liga) morto lo scorso martedì all’età di 68 anni, e di Davide Astori, colto da un arresto cardiaco nella notte a Udine. Simeone fatica a trattenere le lacrime, mentre in campo c’è tanto nervosismo, soprattutto da parte dell’Atletico che commette numerosi falli durante i primi minuti di gioco. Il Barça prova a sorprendere la difesa Colchoneros, la migliore del campionato, con le solite palle scoperte alle spalle della linea arretrata, ma Godin e compagni tengono senza affanno. Difficile però contenere Leo Messi che riesce a liberarsi in mezzo a tre giocatori e a scaricare il primo tiro della partita dopo 20 minuti di gioco, non riuscendo però ad angolare la conclusione. Da fermo la Pulce è invece diventato un cecchino e al 27’ mostra tutte le sue abilità. Il suo mancino, da circa 25 metri, scavalca la barriera e si infila all’incrocio dove neanche un grande portiere come Oblak può arrivare. Per l’argentino è la terza punizione vincente di fila dopo quella a Girona e Las Palmas ed è il 100° gol per i catalani in questa stagione, in tutte le competizioni. Barcellona avanti e animi che si infiammano ancora di più. I padroni di casa sono comunque nettamente più in partita dei loro avversari, mai pericolosi in attacco nel primo tempo, e con Suarez vanno vicini al raddoppio. Bravo ancora Messi a rubare palla al limite dell’area, ma un intervento disperato in scivolata di Gimenez respinge il tentativo dell’attaccante uruguaiano. I flessori costringono Iniesta a uscire dopo neanche un tempo di gioco. Al suo posto entra André Gomes, ma la palla buona per il 2-0 capita a Coutinho, concentrato più sul lavoro sporco che alle manovre offensive fin qui. Il sinistro dell’ex Liverpool si alza bene, con Oblak che riesce a deviare in angolo e a mandare i suoi al riposo sotto di un solo gol.

    

    

Secondo tempo

Ritmi contenuti e poche emozioni anche in avvio di ripresa. L’Atletico sembra comunque più propositivo rispetto ai primi 45 minuti e costringe il Barça ad abbassare il proprio baricentro. La squadra di Valverde prova a far male in contropiede, ma manca sempre la giocata giusta negli ultimi metri. Dopo un’ora di gioco il Cholo Simeone fa la prima mossa e inserisce Correa al posto di Vrsaljko, aumentando il peso offensivo dei suoi. E finalmente arriva anche la prima timida occasione per gli ospiti, con un colpo di testa di Gimenez che chiama Ter Stegen a una presa non facile. L’allenatore argentino si gioca tutto mandando in campo anche Gameiro per Gabi, ma l’Atletico accusa tanto la pessima prova di Griezmann, irriconoscibile dopo i 7 gol messi a segno nelle ultime due partite. Non fa meglio il suo compagno di reparto, Diego Costa, mentre dall’altra parte i blaugrana cominciano ad accusare la stanchezza del lungo viaggio e delle 24 ore in meno di riposo. Nel quarto d’ora finale tuttavia si riaccende la luce di Messi che duetta con Suarez prima e con Coutinho poi senza trovare la via del gol. Molto più pericoloso il tentativo volante di Sergio Busquets, mandato in angolo da Oblak. L’Atletico tenta l’ultimo disperato forcing, ma è il Barcellona ad avere l’ultima chance del match, con il destro a giro di Suarez che non inquadra lo specchio. La squadra di Valverde vince 1-0 e ipoteca la vittoria del campionato, grazie a una perfetta prestazione di squadra e al colpo letale del solito straordinario, fenomenale Leo Messi.

    

    

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche