Coronavirus, Real: accordo con i giocatori per il taglio degli stipendi dal 10 al 20%

Liga

Con un comunicato ufficiale il club fa sapere di aver raggiunto un'intesa con i giocatori per la riduzione degli stipendi del 10% (del 20% nel caso non si tornasse a giocare). Non verranno intaccati invece gli stipendi dei dipendenti del club

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Anche il Real Madrid lancia un bel messaggio per quanto riguarda il taglio degli stipendi e fa sapere di aver raggiunto un accordo interno per la riduzione dei salari dei giocatori. Con un comunicato ufficiale, la Casa Blanca fa sapere infatti che i calciatori rinunceranno a una cifra "tra il 10% e il 20% del compenso, a seconda delle circostanze che potrebbero influire sulla chiusura di questa stagione sportiva", formula che, secondo indiscrezioni dei media spagnoli, significherebbe un taglio del 10% nel caso si tornasse a giocare e del 20% se la stagione dovesse chiudersi prima.
 

Una “trattativa” condotta per i giocatori dal capitano, Sergio Ramos, arrivato a un’intesa con José Angel Sanchez che farà risparmiare al Real Madrid circa 50 milioni di euro, ma che permetterà soprattutto di non andare a toccare gli stipendi dei dipendenti, così come ha fatto il Barcellona.
 

Una decisione che il club ritiene “responsabile ed esemplare”, sottolineando che “il Real Madrid è orgoglioso di tutti coloro che compongono questa grande famiglia e dei suoi valori, che diventano particolarmente preziosi in tempi di difficoltà come questo”.

CALCIO: SCELTI PER TE