Real Madrid, Ancelotti: "Amo questo club, davvero felice di essere tornato"

Real Madrid

Il nuovo allenatore del Real Madrid racconta le proprie emozioni al canale ufficiale del club spagnolo: "Sono molto felice di essere tornato nella squadra più prestigiosa al mondo. Il requisito è quello di giocare un calcio offensivo e spettacolare, ma per raggiungere risultati servirà la combinazione giusta con giocatori e società. Sento responsabilità, entusiasmo e darò il massimo"

ANCELOTTI, LA CARRIERA DEL 'RE DI COPPE'

Carlo Ancelotti è per la seconda volta nella sua carriera l'allenatore del Real Madrid: a inizio settimana l'annuncio ufficiale, prima della conferenza stampa di presentazione e l'intervista concessa al canale tematico del club spagnolo. Ai microfoni della tv ufficiale del Real Madrid, Ancelotti ha raccontato le emozioni di ritrovarsi sulla panchina nella quale è già stato nel biennio dal 2013 al 2015: "Sono molto felice di essere tornato qui. Ho dei ricordi fantastici del periodo che ho trascorso, abbiamo ottenuto tanti successi in due anni. È molto importante perché torno a casa. Sono molto emozionato e metterò tutta l'energia possibile affinché il Real Madrid raggiunga il livello più alto possibile. Ho responsabilità, entusiasmo e darò il massimo. Conosciamo gli obiettivi del Real Madrid ogni anno e cercheremo di raggiungerli con tutta l'esperienza e l'energia che ho. Mi è piaciuto molto tornare perché è il club che amo. Sono molto felice ed è difficile spiegare cosa provo. Il Madrid è il club più prestigioso del mondo e dove mi sono sentito molto bene nei due anni in cui sono stato lì. Ho un ricordo indimenticabile".

"Qui per giocare un calcio offensivo e spettacolare"

vedi anche

Ancelotti-Real: il "remake" dei migliori anni?

Nuova avventura nel Real Madrid che, in caso di vittoria nella Liga, gli potrebbe permettere di diventare il primo allenatore nella storia del calcio ad aver vinto tutti e cinque i grandi campionati europei (Italia, Inghilterra, Francia, Germania e appunto Spagna). Un giro dell'Europa che Ancelotti porta sempre con sè in termini di esperienze: "Bisogna ricordare ogni giorno per cercare di migliorare. Ho avuto un'esperienza positiva in Germania, Italia e Inghilterra. È un'esperienza che ti fa crescere e qui torno con altri sei anni di esperienza. Spero che sia un bene per il Real Madrid. Un allenatore da solo non può vincere. Il modo per vincere è con la combinazione di allenatore, giocatore e club". E sullo stile di gioco da adottare a Madrid, Ancelotti non ha dubbi: "Il requisito di questo club è giocare un calcio offensivo, spettacolare, di qualità e intenso. È lo stesso e non è cambiato nulla. Ricordo La Décima come un successo fantastico perché abbiamo fatto molto bene quella stagione. Abbiamo giocato bene ogni partita e anche in una finale molto difficile contro l'Atlético. È stata una felicità incredibile e ricordo perfettamente la notte di Cibeles. So che i tifosi sono molto uniti alla squadra e il messaggio che voglio mandare loro è che sono molto felice di tornare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche